Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

lunedì 15 maggio 2017

Alitalia. I commissari fanno la faccia feroce. Licenziamenti mirati e tagli ai salari

I commissari straordinari di Alitalia Gubitosi, Laghi e Paleari nominati dal governo, hanno iniziato il loro lavoro con il piede sbagliato, invece di portare ai lavoratori un poco di normalità e di concentrarsi su una gestione virtuosa dell’azienda continuano a licenziare.

Tra le prime misure dei commissari che USB confuta, c’è il congelamento delle parti variabili del mese di aprile e dei ratei di tredicesima e quattordicesima, ma la stessa discontinuità non è stata applicata per i procedimenti disciplinari precedenti al commissariamento. E’ bastato confermare quel management responsabile della crisi per trovarci con l’ennesimo provvedimento repressivo nei confronti dei lavoratori, anche nel momento in cui sarebbe più che necessario instaurare un clima completamente diverso e di maggior credito. La dirigenza sfiduciata non trova niente di meglio da fare che continuare a mostrare una faccia feroce. Il management dall’inizio della vertenza ha già maturato un “saldo” punitivo che è arrivato a oltre dodici espulsioni tra provvedimenti disciplinari e per comporto e decine di contestazioni. Nell’ultimo recentissimo caso l’azienda ha addirittura licenziato con retroattività.

USB condanna fermamente quest’atto e assume la tutela politica e legale dei suoi iscritti schierandosi con tutti i lavoratori vittime di un’azienda che vede i lavoratori come nemici e non come la propria più importante risorsa. USB farà ogni passo affinché questi manager smettano di nuocere ai lavoratori con questi metodi.

I lavoratori e le lavoratrici di Alitalia chiamano a raccolta tutti quelli che vogliono fermare i processi di privatizzazione e la svendita del nostro patrimonio industriale, difendere la democrazia nei luoghi di lavoro, salvaguardare il territorio e la salute dei cittadini e promuovere la ripresa del nostro paese e di tutte le aziende che non meritano di chiudere. Per il prossimo sabato 27 maggio si sta lavorando ad una manifestazione nazionale per dire giù le mani dall'Alitalia.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento