Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 8 giugno 2017

La nuova legge elettorale ha fatto... flop

Si è sbriciolato, per ora, il patto a quattro tra Pd, M5s, Forza Italia e Lega sulla nuova legge elettorale. Alla Camera per 14 voti sono passati due emendamenti quasi identici di Riccardo Fraccaro (M5s) e Michela Biancofiore (Fi), relativi alla circoscrizione Trentino Alto Agide/Sudtirol che avevano registrato il parere contrario della Commissione. Il problema è che sono passati con il voto favorevole del M5S e 59 franchi tiratori.

In realtà, alla larghissima maggioranza che sulla carta sosteneva l'accordo sul sistema elettorale definito arbitrariamente come “tedesco” e che avrebbe dovuto contare in aula su 397 deputati (46 di Fi, 18 Lega, 246 Pd, 82 M5s e 5 delle minoranze linguistiche), sono venuti a mancare non soltanto i voti dei parlamentari 5 stelle ma anche quelli di altri gruppi pur riconducibili al “patto quadripartito”. Anche senza i 92 deputati M5S presenti alla votazione, i no all’emendamento avrebbero dovuti essere 315 e invece si sono fermati a 256, contro 270 sì.

La votazione è stata accompagnata da un boato nei paludati locali della Camera. Il capogruppo del Pd Ettore Rosato si è infuriato: “Oggi il movimento 5 stelle ha dimostrato cosa vale la loro parola: non vale nulla”, ha affermato chiedendo poi “di sospendere la seduta e verificare se ci sono le condizioni per proseguire con la legge elettorale o se questa debba essere rimandata in commissione”. “La legge elettorale è morta e l’hanno uccisa i 5 Stelle”, dichiara il relatore Emanuele Fiano (Pd). La sospensione dei lavori è stata accordata dopo un voto dell’assemblea cui i 5 stelle si dicono contrari: “Per noi è incomprensibile. Non ha alcun senso, è stato votato un emendamento che applica la legge anche al Trentino. Di cosa parliamo? M5s va avanti compatto su ciò che ha detto in Commissione, lo abbiamo dimostrato ieri e oggi”, sostiene il capogruppo M5s Roberto Fico.

Mentre il Pd punta il dito contro il M5s, quest’ultimo replica di guardare ai franchi tiratori in casa propria. La segreteria del Pd si è riunita al Nazareno per analizzare la situazione. Il Pd annuncia che deciderà la settimana prossima la linea da tenere dopo lo stop alla legge elettorale. L’idea che sta prendendo corpo, secondo quanto si apprende dai vertici piddini, è che l’unica soluzione possibile sarebbe quella di un decreto per armonizzare le norme uscite dalle sentenze della Corte Costituzionale – il cosiddetto”Consultellum” per andare a votare il 24 settembre.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento