Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

lunedì 31 luglio 2017

Prof. Vasapollo: “Sarà ancora una volta Chavez a sconfiggere il golpismo”

Alessandro Bianchi

Domenica in Venezuela si vota per l’Assemblea Costituente. Un processo perfettamente in linea con la Costituzione del paese ideato per cercare di trovare una soluzione di pace e democrazia alle violenze ed al rifiuto dell’opposizione di destra alla richiesta di dialogo del Presidente Maduro.

Sui giornali italiani la propaganda per quegli interessi che da anni cercano di destiture il legittimo governo di Caracas ed appropriarsi così delle riserve petrolifere maggiori al mondo hanno distorto completamente il quadro della situazione. E così terroristi che linciano e danno fuoco a persone solo perché hanno un’idea politica diversa diventano “manifestanti pacifici” e la Costituente, via democratica e pacifica alla soluzione della crisi, un “golpe di Maduro”.

Stupri semantici a cui siamo abituati e pensare che a chiedere quella Costituente fosse nel 2013 quella stessa destra sostenuta da Usa e Ue impegnata oggi nelle violenze fuori controllo. Ci sarebbe da sorridere se non fossero morte oltre 100 persone dal colpo di stato iniziato tre mesi fa.

Abbiamo chiesto al Professore Luciano Vasapollo, noto esperto delle dinamiche dell’America Latina, un commento sul voto di domenica in Venezuela.

Questa intervista appare in contemporanea su Contropiano e L’Antidiplomatico.


Professore. Domenica in Venezuela si vota. Chi attacca il governo di Maduro, il “regime”, usa come pretesto principale il fatto che il Presidente non conceda elezioni. Eppure Domenica in Venezuela si vota. Non è un controsenso?

E’ un controsenso ridicolo, come tutti quelli che “l’’internazionale nera” utilizza per far passare uno dei sistemi più democratici al mondo, quello ideato dalla Rivoluzione bolivariana, come un “regime”. Domenica il popolo venezuelano, il popolo bolivariano, un popolo di pace, darà una lezione al mondo. Sostengo con forza questo processo elettorale, la Costituente, che serve per dare nuovo impulso e rafforzare la democrazia partecipativa e popolare. E’ la risposta giusta per rafforzare le missioni sociali, ideate dal Comandante Chavez per dare istruzione, lavoro, sanità.

Ieri si è conclusa la campagna elettorale per la Costituente. Impressionante il bagno di folla che ha accompagnato l’evento a Caracas. Come al solito, totalmente censurato dall’informazione occidentale...

Davanti una folla oceanica, il presidente Maduro ieri ha chiuso la campagna elettorale parlando contro l’opposizione violenta, fascista e golpista che ha prodotto 110 morti negli ultimi tre mesi. La colpa di quello che sta accadendo oggi in Venezuela è delle multinazionali del petrolio, dell’imperialismo, dei paramilitari. Grande responsabilità l’ha un presidente come Trump che sta minacciando una maggiore guerra economica se il popolo venezuelano dovesse perseguire nella via della Costituente. In Europa non si sa niente di tutto questo. E questo perché l’informazione è totalmente asservita a questi poteri che non da oggi ma dal 2002, primo golpe contro Chavez, cercano di annientare una delle pochissime risposte alternative alla dittatura del neo-liberismo.

Oltre Trump, anche l’Unione Europea e la Mogherini in particolare si è schierata contro la Costituente. Teme che seguirà gli Stati Uniti in sanzioni contro il Venezuela?

A leggere le dichiarazioni di Federica Mogherini mi viene da ridere e provo tanta rabbia. Mi viene da ridere perché lei rappresenta un organismo che si è data una costituzione che uccide interi paesi, Grecia su tutti, senza che nessun popolo l’abbia mai votata. E sarebbe la signora Mogherini che vuole dare lezioni di democrazia ad un paese, il Venezuela, che ha fatto decine e decine di elezioni da quando è iniziata la Rivoluzione bolivariana? Provo poi anche rabbia perché la giovane Federica Mogherini me la ricordo al Foro di San Paolo ai tempi di Chavez sostenere l’ascesa delle forze progressiste in America Latina. E oggi fa da sponda ai nuovi Pinochet che vogliono regalare il paese alle multinazionali degli Stati Uniti? Ma io sono tranquillo. Sarà ancora una volta Hugo Chavez, che oggi avrebbe compiuto 63 anni, a sconfiggere il golpismo di Usa e Unione Europea. Oggi il popolo venezuelano che si incarna nel suo Comandante è consapevole dei suoi diritti, è libero dal giogo del neo-liberismo e difenderà le sue conquiste contro il golpismo di Usa e Unione Europea. Ne sono certo.

Come giudica l’atteggiamento della destra venezuelana che ha deciso di non giocarsi le sue carte con la via pacifica delle elezioni e non riconosce il percorso della Costituente?

E’ semplicemente la continuazione della strategia golpista. Il plebiscito illegale che qui ha trovato il sostegno addirittura di un ministro, Galletti, e del presidente della Commissione Affari esteri del Senato, Casini, serviva a legittimare il colpo di stato in corso. Un fallimento clamoroso nei numeri chiaramente nascosto dai media asserviti. Sappiamo che i loro voti non sono quelli che hanno detto, che hanno mentito, che non ci sono prove di quei risultati, ma non importa, perché per la propaganda occidentale “7 milioni di venezuelani hanno detto no alla Costituente”. Tutte menzogne.

A proposito di Casini. Ieri ha fatto una nuova Conferenza al Senato sostenendo le ragioni della destra e contro la Costituente...

A parte la scarsissima conoscenza di fondo delle dinamiche dell’America Latina di alcuni politici italiani, da studioso quello che mi preoccupa è la totale irresponsabilità di chi getta benzina sul fuoco, sostenendo e alimentando la ferocia di questi nuovi Pinochet in salsa venezuelana che vorrebbero portare il paese alla guerra civile. Su Casini è davvero incredibile la sua insistenza a sostegno della destra venezuelana. Ora la domanda che potrebbe sorgere a qualcuno è: ma perché invece della “fame” in Venezuela, non fa una telefonata al suocero per trovare una soluzione alla sete dei romani?

Tutta la destra venezuelana è golpista e violenta?

No. C’è una parte dell’opposizione che non è golpista, che non è violenta, ma non si è pronunciata apertamente. La strategia dell’opposizione per ora è portata avanti dai golpisti violenti; è importante che si pronuncino i settori democratici ora oppure saranno corresponsabili morali delle violenze.


Infine, come giudica il comportamento dei media internazionali. Oggi Repubblica titola: “Venezuela, governo vieta le manifestazioni contro le elezioni dell’Assemblea Costituente”. Anche un importante giornale nord-americano, il Chicago Tribune, con la corrispondenza di un inviato di Bloomberg, ha dovuto ammettere che non è resistenza ma violenza fuori controllo. Fino a quando i giornali italiani mentiranno sapendo di mentire. E sono complici del colpo di stato in corso in Venezuela?

Si sono complici. O meglio giocano il ruolo di protagonista attivo del processo come avvenuto in Ucraina, Libia e Siria. Sono costretti ad ignorare quello che accade davvero in Venezuela e presentare una situazione virtuale. Si chiama “Effetto CNN”. E quindi il terrorismo diviene “ricerca di democrazia”, i terroristi “manifestanti pacifici” che resistono “al regime”, la Costituente ”un colpo di stato”. E la ragione è una: si chiama petrolio e la grande quantità di altre ricchezze presenti in Venezuela. Sull’informazione però vorrei concludere con un rammarico profondo. Ho letto che in questi giorni Gerladina Colotti, una delle pochissime voci libere che ha raccontato in questi anni il Venezuela e l’America Latina in generale, si trova a Caracas, ma i suoi reportage non vengono pubblicati dal Manifesto per una scelta editoriale. Una vergogna. Una vergogna di un giornale che sta prendendo ormai inesorabilmente la via senza uscita della “sinistra europeista” alla Mogherini. Piena solidarietà a Geraldina che non si arrende alle menzogne del mainstream e continua ad informarci. Adelante!

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento