Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

venerdì 25 agosto 2017

Siria - Israele detta le proprie condizioni

di Michele Giorgio – Il  Manifesto

Accompagnato dal direttore del Mossad e dal capo del Consiglio per la sicurezza nazionale, Benyamin Netanyahu ieri a Sochi, sul Mar Nero, ha incontrato Vladimir Putin per la nona volta in due anni. È stato un faccia a faccia più importante della solita verifica dell’intesa raggiunta dalle due parti dopo l’intervento militare diretto di Mosca in Siria, nel 2015, con cui il presidente russo assicurò che i suoi aerei non avrebbero impedito i bombardamenti dell’aviazione israeliana in Siria – un centinaio negli ultimi anni, per recente ammissione di Tel Aviv – contro presunti convogli carichi di armi destinati al movimento sciita libanese Hezbollah. Netanyahu a Sochi è andato a discutere del futuro della Siria ora che la vittoria di Bashar Assad si è fatta più vicina e la posizione del presidente siriano appare più forte e stabile rispetto a qualche anno fa quando Israele si aspettava e desiderava la sua caduta. Tel Aviv vuole avere un posto in prima fila nella definizione delle “soluzioni” che dovranno realizzarsi in Siria dopo la sconfitta di jihadisti e “ribelli” e all’emergere di un Assad più esperto e determinato di prima.

Il premier israeliano all’inizio di luglio ha bocciato l’accordo di cessate il fuoco mediato da Russia, Usa, Turchia e Giordania per la creazione in Siria di “zone di de-escalation” nel quadro di un cessate il fuoco generale. Quelle aree a suo dire favoriscono i “disegni” dell’Iran e di Hezbollah, entrambi alleati strategici di Bashar Assad, volti a stabilire basi militari in Siria. Netanyahu ieri ha dato sfogo alla sua rabbia rivolgendo a Tehran accuse vecchie e nuove. A cominciare da quella ascoltata più volte prima dell’accordo internazionale sul nucleare del 2015 secondo la quale l’Iran minaccerebbe il «mondo intero» e non solo Israele. «Grazie a sforzi congiunti stiamo sconfiggendo lo Stato Islamico e questo è molto importante. Ma la cattiva notizia è che, dove se ne va lo Stato Islamico sconfitto, arriva l’Iran», ha detto Netanyahu a Putin, «Non possiamo dimenticare neanche un minuto che l’Iran minaccia ogni giorno di distruggere Israele, che arma organizzazioni terroristiche, le sostiene e avvia atti di terrorismo». E non ha mancato di minacciare una guerra. L’Iran, ha detto a Putin, sta tentando di «libanizzare» la Siria prendendone il controllo attraverso Hezbollah. «Questo è diretto contro di noi e non resteremo indifferenti. Agiremo quando occorrerà in accordo con le nostre linee rosse. E quando lo abbiamo fatto in passato non abbiamo chiesto permesso ma fornito un aggiornamento sulla nostra politica. La comunità internazionale sa che quando diciamo qualcosa la facciamo anche».

Putin, alleato dell’Iran, non si è lasciato trascinare sul terreno scelto da Netanyahu e da parte sua in pubblico ha sottolineato soltanto «l’efficace meccanismo di dialogo bilaterale» tra Russia e Israele, che «permette di affrontare le relazioni tra i due paesi, così come la situazione nella regione (mediorientale)».

Netanyahu ha ripetuto che non permetterà mai all’Iran e ad Hezbollah di posizionarsi a ridosso delle Alture siriane del Golan che Israele occupa da cinquant’anni. E punta l’indice contro il cessate il fuoco entrato in vigore lo scorso 9 luglio, in particolare nelle province meridionali di Sueida, Daraa e Quneitra che, nella lettura israeliana della situazione, ha visto Donald Trump consegnare la Siria a Putin e fornito agli iraniani e a Hezbollah la possibilità di avvicinarsi alle frontiere con Israele e Giordania. Eppure proprio un giornale israeliano, Haaretz, il mese scorso rivelava che i combattenti iraniani e libanesi alleati di Damasco nel sud sono arretrati verso Hauran, a 40 km dalla frontiera, dopo l’inizio della tregua, rispettando una richiesta fatta a Mosca dalla Giordania. Una distanza simile, scriveva il giornale, separa le forze iraniane e libanesi dal Golan. Netanyahu  vuole formalizzare questa situazione e chiede che siano create “zone cuscinetto” sulla linee armistiziali tra Israele e Siria e lungo la frontiera tra Siria e Giordania. Ed è andato a reclamarle a Mosca visto che gli Usa si sono fatti da parte.

Nessun commento:

Posta un commento