Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 31 agosto 2017

Traffico di migranti. L’Italia ha stretto il “patto con il diavolo”


Con un accordo sostenuto dall’Italia, il governo di Tripoli ha pagato le milizie implicate nel traffico di esseri umani per impedire aglii immigrati di attraversare il Mediterraneo verso l’ Europa. Sarebbe questa una delle ragioni della drastica diminuzione del traffico di immigrati nel Mediterraneo. Ad affermarlo è l’agenzia Associated Press e la notizia è stata ripresa con rilievo sulla stampa statunitense.

Questo accordo ha suscitato tensioni tra alcune delle forze di sicurezza libiche e gli attivisti delle Ong che si occupano di migranti, i quali denunciano come l’accordo arricchisca le milizie, consentendo loro di acquistare più armi e diventare più potenti. Nel caos del paese, le milizie possono in qualsiasi momento tornare alla tratta di esseri umani o rivolgersi contro il governo.

L’accordo – negato dalla Farnesina – continua a rafforzare il potere sul campo delle milizie libiche, che dalla caduta di Gheddafi nel 2011 hanno condizionato o combattuto i governi successivi della Libia, incluso quello attuale di Fayez Serraj, riconosciuto a livello internazionale ma debolissimo sul piano interno.

Il sostegno europeo all’accordo con le milizie non è una sorpresa. L’Unione Europea ha dato dieci milioni di euro al governo di Serraj per aiutarlo a fermare i migranti. In primo luogo, i soldi sono destinati a rafforzare la guardia costiera libica e il confine meridionale con Ciad e Niger e secondariamente a migliorare le condizioni per i migranti rinchiusi nei centri di detenzione. Sembra anche che i fondi possano essere utilizzati per “sviluppare un’occupazione alternativa per coloro che sono coinvolti nella tratta”.

I due mesi passati hanno visto un calo esponenziale delle traversate dei barconi di migranti nel Mediterraneo, un segnale leggibile dai sorrisi stampati dei leader europei a Parigi. Gli arrivi a luglio sono scesi di metà rispetto all’anno precedente, mentre ad agosto finora sono arrivati circa 2.936 migranti rispetto ai 21.294 dell’agosto 2016, un calo del 86 per cento. Ufficialmente si ritiene che i pattugliamenti più rigorosi della guardia costiera libica siano responsabili di questi cali. Gli arrivi complessivi del 2017 in Italia sono il 6,8 per cento in meno rispetto all’anno precedente: 98.145 finora rispetto ai 105.357 per lo stesso periodo dello scorso anno.

Ma la causa sembra essere in gran parte dovuta agli affari realizzati con le due milizie più potenti della città libica di Sabratha, il principale punto di partenza per i migranti per il pericoloso viaggio nel Mediterraneo. Le milizie, una conosciuta come “Al-Ammu” e l’altra come Brigata 48, sono guidate da due fratelli della grande famiglia al-Dabashi della zona.

Almeno cinque funzionari di sicurezza e attivisti con sede a Sabratha hanno detto che i miliziani erano noti per essere coinvolti con la tratta dei migranti. Un funzionario di sicurezza ha chiamato i fratelli “i re del traffico” a Sabratha. Nella sua ultima relazione in giugno, il gruppo di esperti delle Nazioni Unite sulla Libia ha identificato al-Ammu come uno dei facilitatori principali del traffico di esseri umani.

Bashir Ibrahim, portavoce della milizia al-Ammu, ha affermato che un mese fa le due forze hanno raggiunto un accordo “verbale” con il governo italiano e il governo di Serraj per combattere il traffico. Ha detto che la milizia al-Ammu, composta tra i 400 a i 500 combattenti, è affiliata al Ministero della Difesa di Serraj, mentre la Brigata 48 rientra nel ministero dell’Interno.

Da allora, le milizie hanno impedito alle imbarcazioni dei migranti di lasciare le rive intorno a Sabratha e hanno detto ai contrabbandieri di porre fine al loro lavoro. In cambio, le milizie hanno ricevuto attrezzature, armi, barche e stipendi, ha detto Ibrahim.

La milizia al-Ammu, ufficialmente chiamata Brigata del martire Anas al-Dabashi, è stata inoltre pagata dal 2015 per proteggere il complesso petrolifero Mellitah a ovest di Sabratha, sito di un progetto congiunto tra la Libia e l’azienda petrolifera italiana Eni.

Ibrahim ha definito la situazione come una “tregua”, dipendente dal continuo flusso di rifornimenti e finanziamenti alla milizia. “Se il supporto alla brigata di al-Dabashi si ferma, essa non avrà la capacità di continuare a fare questo lavoro e il traffico ricomincerà” ha lasciato intendere il miliziano.

Nella sua pagina Facebook, la milizia ha scritto il 19 agosto di aver favorito il coordinamento tra l’ambasciata italiana con l’ospedale Sabratha per la consegna di tre spedizioni di assistenza medica del governo italiano. Il ministero degli Esteri italiano ha negato che Roma abbia fatto un accordo e ha detto che “il governo italiano non negozia con i trafficanti”.

Tuttavia, l’integrazione ufficiale delle due milizie nelle forze di sicurezza di Serraj permetterebbe all’Italia di lavorare direttamente con le milizie medesime che non sarebbero più considerate tali ma parte del governo di Tripoli.

Tale integrazione è probabilmente poco più di una formalità. Le milizie libiche spesso operano sotto l’ombrello delle forze di sicurezza, ma di fatto rimangono indipendenti, i miliziani mantengono la loro lealtà ai propri comandanti, dispongono di fondi e armi proprie.

I funzionari di sicurezza e gli attivisti di Sabratha intervistati dall’Associated Press hanno dichiarato che l’Italia ha realizzato l’accordo direttamente con i miliziani e che i funzionari italiani si sono incontrati con i leader delle milizie libiche.

Alcune settimane fa i rappresentanti del governo italiano si sono incontrati con i membri della milizia al-Ammu di Sabratha e sono giunti ad un accordo per far cessare l’attività degli scafisti, ha affermato Abdel-Salam Helal Mohammed, direttore generale delle Forze del Ministero dell’Interno incaricato di combattere il traffico di esseri umani, alla guida di un settore noto come Dipartimento per la Lotta alla Migrazione illegale.

Un anziano funzionario della sicurezza e un agente di polizia, entrambi di Sabratha, hanno anche affermato che l’Italia ha stabilito direttamente l’accordo con le milizie. Il funzionario della sicurezza ha detto che l’intelligence italiana e i leader delle milizie si sono incontrati e hanno stabilito un accordo senza la rappresentanza del governo coinvolto. I due hanno parlato in condizione di anonimato perché non erano autorizzati a parlare con i media. “I trafficanti di ieri sono oggi la forza anti-traffico”, ha detto il funzionario della sicurezza, avvertendo che le milizie rafforzeranno il loro armamento proprio con gli aiuti ricevuti. “Quando la luna di miele sarà finita tra loro e gli italiani, ci troveremo ad affrontare una situazione più pericolosa”, lamentando che le forze di sicurezza normali erano troppo insufficienti per affrontare i contrabbandieri. “Siamo troppo deboli di risorse e di armi per ingaggiare una battaglia con loro”.

Un portavoce del governo italiano ha dichiarato che l’Italia non commenta i rapporti sulle attività di intelligence.

“Quello che gli italiani stanno facendo a Sabratha è molto sbagliato... tu così stai legittimando le milizie”, ha dichiarato uno degli attivisti, Gamal al-Gharabili, capo dell’Associazione per la Pace, la Cura e il Soccorso, la principale organizzazione non governativa che si occupa di immigrati a Sabratha.

Diversamente, Essam Karrar, un altro esponente delle associazioni della società civile a Sabratha, ha elogiato l’accordo. “Ciò impedirà ai migranti di partire e allo stesso tempo offrirà opportunità di lavoro ai cittadini di Sabratha, perché molti sono parte della milizia”.

Negli ultimi anni le agenzie internazionali e i gruppi di diritti umani hanno documentato un feroce trattamento contro i migranti in detenzione in Libia, tra cui la tortura, l’abuso sessuale e la schiavitù.

Fonti: Associated Press, Washington Post, Ansa

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento