Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

sabato 25 aprile 2015

Yemen: “115 bambini uccisi nei bombardamenti”

In queste ore, lo scenario yemenita, contraddistinto da una guerra civile nella quale sono intervenute le potenze sunnite guidate da Egitto e Arabia Saudita, che da un mese bombardano il paese, sembra vivere un relativo allentamento della tensione. Alcune ore fa, in conseguenza del mutato scenario, l'ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh – destituito nel 2012 dopo più di 30 anni di potere assoluto – ha invitato i suoi alleati ribelli Houthi a ritirarsi, come richiesto dalle Nazioni Unite, dai territori del centro e del sud del paese conquistati negli ultimi mesi, affinché possano cessare i raid della coalizione saudita e riprendano i negoziati. "Chiedo di accettare e attuare la risoluzione del Consiglio di Sicurezza", ha scritto in una dichiarazione letta a suo nome sul canale privato Yemen al-Yawm. Saleh ha esortato il ritiro "da tutte le province, in particolare da Aden".

Intanto, la portaerei statunitense Theodore Roosevelt e la nave lanciamissili Normandy si sono allontanate dalle acque dello Yemen dopo che un convoglio marittimo iraniano, accusato di trasportare armi destinate alle milizie sciite, giovedì ha invertito la rotta ed ha fatto marcia indietro. Altre sette navi da combattimento statunitensi, tuttavia, rimangono in prossimità del Golfo di Aden. In precedenza, il segretario di Stato Usa John Kerry ha lanciato un appello ai ribelli sciiti in Yemen e a coloro che "hanno influenza su di loro" per unirsi al tavolo dei negoziati. "Occorre lavorare in entrambi i sensi", ha detto Kerry al margine del Consiglio artico in corso in Canada, precisando che l'Arabia Saudita aveva annunciato di passare alla fase umanitaria della propria campagna. "Abbiamo bisogno che gli Houthi e coloro i quali hanno influenza su di loro siano pronti a unirsi ai negoziati", ha aggiunto il segretario di Stato Usa. Gli Stati Uniti avevano già nominato un mediatore e le due parti sembravano pronte a discutere per trovare un luogo per i negoziati, ha detto Kerry. "Ora – ha sottolineato – l'obiettivo è cominciare al più presto le discussioni perché è assolutamente essenziale una soluzione politica".

Il riferimento di Kerry è al cambiamento del carattere impresso dall’Arabia Saudita alla missione militare di una decina di paesi del fronte sunnita contro la ribellione in Yemen. A metà settimana infatti l’operazione ‘Tempesta decisiva’ è stata dichiarata chiusa da parte della monarchia feudale che però ha annunciato l’avvio della seconda fase del proprio intervento, ribattezzata ‘Restaurare la speranza’. Un’operazione dal presunto carattere umanitario che però in realtà prevede una continuazione dei bombardamenti e delle ingerenze militari in territorio yemenita da parte della ‘coalizione’ allo scopo di riportare sul trono il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi che dopo esser stato destituito dagli Houthi si è guarda caso rifugiato in Arabia Saudita.

Riad ha giustificato l’avvio della “seconda fase” del proprio intervento con il raggiungimento degli obiettivi militari che si era prefissata, cioè la distruzione degli arsenali di armi pesanti e di missili balistici di cui la ribellione sciita si era impossessate dopo aver occupato postazioni e basi dell’esercito yemenita. Secondo le petromonarchie un mese di raid e bombardamenti dal mare e dal cielo avrebbero ridimensionato la forza militare della ribellione impedendo che gli Houthi potessero minacciare “la sicurezza dei paesi circostanti”. Dichiarazioni trionfalistiche da parte di Riad e soci che però sembrano assai di circostanza e che non corrispondono interamente alla situazione sul campo assai più sfumata.

Da parte sua il movi­mento Hou­thi ha negato di aver perso gran parte del pro­prio arse­nale: Habib Zuhair al-Muslim, uno dei lea­der del gruppo, ha fatto sapere che vei­coli blin­dati, mis­sili e armi sottratti alle forze armate sono custo­diti al riparo dai bombardamenti che nonostante la fine di ‘Decisive storm’ continuano. Ancora l’altro ieri il por­ta­voce della ribellione, Moham­med Abdul-Salam, ha rinnovato la richie­sta della fine com­pleta degli attac­chi da parte sau­dita e l’avvio di nego­ziati con la mediazione dell’Onu, anche se il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha votato una oscena mozione di sostegno all’intervento militare straniero e al blocco navale imposto dalle petromonarchie allo Yemen.

Una fonte vicina ai nego­zia­tori ha poi annun­ciato il rila­scio da parte degli Hou­thi del mini­stro della Difesa del governo fantoccio, Mah­mud al-Subaihi, del gene­rale Fai­sal Rajab e del fra­tello del pre­si­dente Hadi, il gene­rale Nas­ser, catturati a fine marzo dalle milizie ribelli che nonostante un mese di bombardamenti controllano ancora non solo tutto il nord del paese ma anche la capitale Sana’a, l’importante città di Aden col suo porto e varie altre località nel centro sud.

Intanto la situazione umanitaria nel paese è sempre più catastrofica. Potrebbe essere persino più alto di quanto calcolato finora il bilancio delle vittime causate dai bombardamenti delle forze militari straniere, che nelle ultime ore hanno preso di mira Aden e Taez. Secondo i dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità, tra il 19 marzo e il 20 aprile si sono contati almeno 1.080 morti e oltre 4350 feriti. Tra le vittime ci sarebbero anche 115 bambini secondo i dati resi noti dall’Unicef. "Almeno 115 bambini sono stati uccisi e altri 172 hanno subito mutilazioni", ha dichiarato il portavoce dell'agenzia dell’Onu per l’infanzia, Christophe Boulierac, nel corso di una conferenza stampa a Ginevra.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento