Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

sabato 24 agosto 2019

Un presidente matto, un classico dei tempi di crisi


I comici e i matti arrivano al potere persino negli Stati Uniti, che pure hanno una certa tradizione nell’eliminare presidenti “problematici” per alcuni settori forti dell’establishment. Segno che l’apparente “irrazionalità” di certe trasformazioni risponde a una “necessità” del sistema complessivo, anche se non è affatto semplice ricostruire con precisione il filo logico che lega eventi critici e risposte “illogiche”.

Potremmo esercitarci con divertimento sullo strano balletto che accompagna il tentativo di formazione di un governo gialloblu (accogliamo senza riserve la definizione di Giorgio Cremaschi), dove la piccineria dei protagonisti viene immensamente superata da quella di molti media. Basti guardare al partito di Repubblica, che da un lato preme per un governo che escluda nuove elezioni subito e per l’altro spara a zero sulle possibilità di intesa tra Pd e Cinque Stelle. Quindi, “oggettivamente”, per avvicinare le elezioni e dare soluzione alla crisi della politica con qualche “capo assoluto” particolarmente disgraziato e pazzo, ma “ottimo comunicatore”.

Però non sarebbe un esempio in grado di illuminare le dinamiche del mondo.

Vediamo allora la “guerra dei dazi” aperta da quell’altro mattacchione di Donald Trump contro la Cina (ufficialmente) e la Germania (sottotraccia). Sul piano logico è una follia che mette fine al “mercato globale” e quindi accelera la caduta di un processo di crescita capitalistica già stagnante per conto suo. Ma il mattacchione vuole essere rieletto e dunque – proprio come le multinazionali che devono presentare sempre delle relazioni trimestrali positive, pena un tonfo in borsa – si inventa “atti di imperio politico” che possono avere solo effetti negativi sul sistema. Ma che soprattutto hanno poca possibilità di funzionare anche per il (piccolo) scopo dichiarato.

Vediamo gli ultimi sviluppi, che hanno gettato nello sconforto le borse mondiali ieri.

Come risposta alla lunghissima serie di dazi imposti dagli Usa sui beni cinesi, Pechino ha infine risposto con misure simmetriche che colpiscono 5.078 prodotti Usa. Si va dai fagioli di soia (danneggiando ancora un volta i farmers del Midwest, zoccolo duro trumpiano) al petrolio (tariffe del 5% a partire dall’inizio di ottobre); ma anche alle automobili, per le quali da dicembre torna la tassa del 25% prima abolita, e altre tariffe al 5% sui pezzi di ricambio prodotti negli Stati Uniti.

Senza neanche pensarci un attimo – ed è un altro segno di irrazionalità, in queste materie e a questo livello – Trump ha varato altri dazi aggiuntivi, arrivando addirittura ad “ordinare” alle multinazionali Usa di abbandonare la Cina e investire altrove. Come se non fosse lui stesso un risultato dell’indebolimento del potere politico rispetto a quelli economico-finanziari e dunque come se le multinazionali fossero ai suoi ordini, anziché – in larga misura – viceversa.

Chiarissima la risposta di Myron Brilliant, vice presidente della Camera di Commercio statunitense: «Trump può essere frustrato con la Cina, ma la risposta non è per le aziende americane ignorare un mercato di 1,4 miliardi di consumatori». È indicativo che vada ricordato a un palazzinaro che in regime capitalistico le imprese puntano in primo luogo a far soldi e dunque una simile quantità di potenziali clienti (oltretutto ora abbastanza benestanti da potersi permettere molto) prevale su qualsiasi considerazione politica di un presidente a tempo.

Per questo continuiamo a pensare che “l’irrazionalità al potere” sia la parte visibile di una crisi di sistema che non riesce né a trovare una soluzione, né ad esplodere.

I matti al potere, sempre “ottimi comunicatori”, come al solito preparano la seconda...

Fonte

Macché governo giallorosso, chiamiamolo gialloblù

A questo stato della telenovela della crisi politica non sappiamo se il governo M5S-PD nascerà, anche se le mazzate di Mattarella e le minacce di scissione di Renzi spingono verso una sua realizzazione.

Una cosa però va chiarita subito: non chiamiamolo governo giallorosso. E non per evitare di tirare in ballo i tifosi della Roma, ma perché il PD di rosso non ha proprio NULLA. Non lo ha nei simboli, come nella proposta politica e nella classe dirigente.

Nei colori del PD non c’é il rosso socialista di Corbyn, né ovviamente qualche accenno di comunismo, ma solo un miscuglio di liberalismo più o meno attenuato, e compassionevole senza esagerare, di Macron e simili.

Il PD è un partito liberal democratico di centro, che per questo può trovare un’intesa coi cinquestelle, che a forza di proclamarsi né di destra né di sinistra, alla fine si sono trovati al centro dello schieramento politico. Tanto è vero che sono accusati di praticare la politica dei due forni di andreottiana memoria.

Chiamare giallorosso il possibile governo M5S-PD significa compiere, per gusto di semplificazione mediatica, una devastante e violenta operazione culturale e sociale: far credere che il colore della lotta contro lo sfruttamento capitalistico, il rosso, sia al governo. Così si cancella dalla politica chi quello sfruttamento subisce, contesta e se può combatte.

Chi oggi sta su questo fronte mai si è trovato il PD assieme e spesso se lo è visto contro. Chiamare giallorosso il possibile governo Zingaretti-Di Maio significa far credere che la sinistra sia tornata al governo, mentre la sinistra in Italia è stata distrutta dal PD e va ricostruita fuori ed in alternativa ad esso.

Se vogliamo definire con dei colori il possibile governo, allora chiamiamolo gialloblù. Il blu di Ursula von der Leyen, conservatrice, militarista, europeista nello stesso senso che il PD intende e che anche il M5S ha votato.

Il blu con il quale il PD è sfilato a Milano eliminando ogni bandiera rossa. Chiamiamolo governo gialloblù, anche perché i due colori mescolati danno il verde di Salvini, con cui i cinquestelle hanno condiviso il decreto sicurezza bis e il PD il sì al TAV e l’autonomia differenziata.

Sì, gialloblù con possibili fusioni verdi pare il colore più adatto per questo possibile governo.

Fonte

Escalation sulle armi nucleari. Gli Usa testano missile, la Cina vicina a nuovo supermissile

Sono passati solo pochi giorni da quando gli Stati Uniti hanno lanciato una nuova sfida a Russia e Cina realizzando il primo test missilistico da oltre 30 anni a questa parte.

A dare l’annuncio del lancio del nuovo missile era stato lo stesso Pentagono, spiegando che il test, nel quale il missile ha colpito un bersaglio a 500 chilometri di distanza, è avvenuto con una testata convenzionale partita dall’isola di San Nicolas, al largo della California. Secondo il Pentagono il test sarebbe riuscito e non si esclude che a breve ne possano seguire altri.

Passate poco più di 72 ore dall’annuncio Usa, la Cina ha fatto sapere di aver quasi completato lo sviluppo di un missile ipersonico, capace cioè di viaggiare ben oltre la velocità del suono e soprattutto in grado di penetrare gli scudi antimissilistici Usa. Lo riferisce il South China Morning Post, raccogliendo le confidenze di una fonte anonima all’interno della China Aerospace Science and Industry Corporation (CASIC), l’azienda di stato che sta lavorando al progetto. Il missile in questione è il DF-17, quello che tecnicamente è chiamato un Hypersonic Glide Vehicle (un veicolo-aliante ipersonico) in grado di superare ampiamente la velocità del suono e dotato di un veicolo di rientro in atmosfera che può modificare l’obiettivo in volo, rendendo così più difficile che venga intercettato da sistemi di difesa.

Nelle relazioni tra le maggiori potenze mondiali si assiste ormai ad una ripresa della corsa al riarmo, incluso quello sulle armi nucleari. Ma su questo terreno è doveroso sottolineare come ad aver riaperto il “Vaso di Pandora” siano stati gli Usa disdettando nelle settimane scorse il Trattato Inf sui missili nucleari siglato nel 1987 con l’Urss e poi continuato con la Russia.

Per Washington il vero pericolo proverrebbe dal supermissile russo Novator 9M729, il quale sarebbe in grado di volare per 2.500 chilometri, avendo quindi come bersaglio anche la costa occidentale degli Stati Uniti.

L’ira di Mosca per il recente test missilistico statunitense non si è fatta attendere ed accusa gli Usa di irresponsabilità. Il portavoce della presidenza russa, Dimitri Peskov, ha affermato che il lancio del missile da crociera dalle acque della California è la dimostrazione di come gli Stati Uniti già da tempo si preparavano a mettere fine allo storico Trattato bilaterale Inf: “Diverse settimane e persino mesi non sono sufficienti a preparare un test del genere”.
Anche da Pechino non arrivano certo segnali positivi. Anzi, per le autorità cinesi il test Usa, al contrario, dà il via a una nuova corsa agli armamenti “che avrà un grave impatto negativo sulla sicurezza internazionale e regionale”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shang. In questo contesto arriva la notizia che il nuovo missile ipersonico cinese è quasi pronto. La Cina ha infatti ha già testato due volte il supermissile DF-17 nel novembre del 2017 presso il Centro spaziale Jiuquan, in Mongolia interna.

Il South China Morning Post afferma che l’intelligence americana ha già lanciato l’allarme, rivelando che il missile sarà operativo già dal 2020. Ma occorre sapere che anche Usa e Russia stanno sviluppando sistemi d’arma con capacità simili a quelle cinesi.

Dopo decenni in cui sembrava che il riarmo nucleare fosse un ricordo del passato, la nuova escalation rimette nell’agenda politica internazionale un fattore purtroppo “decisivo”, nel senso che l’eventuale ricorso a queste armi avrebbe effetti devastanti e, appunto, decisivi sulla sorte del pianeta e dell’umanità che ci vive.

Fonte

venerdì 23 agosto 2019

Cent’anni di Afghanistan

“...A nessun potere straniero sarà permesso d’interferire internamente ed esternamente con gli affari afghani, e se dovesse accadere sono pronto a tagliargli la gola con questa spada”. Con tali parole re Amanullah si rivolgeva ai dignitari di Kabul, e agli stessi agenti britannici presenti, pochi mesi prima che il Paese dell’Hindu Kush strappasse una propria dignità nazionale all’Impero di Giorgio V, ottenendo ufficialmente l’indipendenza il 19 agosto 1919. Quel giorno venne firmato il trattato che poneva fine alla terza guerra afghana contro l’esercito britannico, durata in realtà solo un mese. Ora che la popolazione patisce guerre che si succedono da decenni quella dichiarazione risuona come amara se non addirittura beffarda. Eppure il regno (1919-29) di Amanullah Shah, sovrano illuminato, molto amato dai sudditi dell’epoca – e favorevolmente valutato da storici e attuali attivisti democratici che ne visitano la tomba a Jalalabad – dev’essere considerata una fase d’innovazione anche nel Terzo millennio che non mostra toni progressisti e non pacifica ancora nulla. Anzi. Amanullah, pur ricoprendo la carica di emiro, scontentò chierici e capi tribali. I passi riformatori intrapresi con la promulgazione nel 1923 d’una Costituzione paritaria per i generi, un codice di famiglia garantista che vietava matrimoni fra anziani e giovanissime, la creazione d’un tribunale per eventuali torti subìti dalle donne, rappresentano un riferimento positivo successivamente smarrito. Il sovrano, coadiuvato dalla consorte che ripetutamente si mostrava in pubblico senza velo, pur riconoscendo la religione islamica, mirava a porre la nazione e la sua gente al passo con la contemporaneità. L’inserimento femminile nel piano per una diffusa istruzione popolare, confermavano quell’impressione progressista che lo stesso Lenin ebbe di lui, intrattenendo un breve rapporto epistolare.

In realtà l’interesse del leader comunista sull’operato di Amanullah riguardava l’opposizione afghana all’Impero britannico, da lì la simpatia che il bolscevico e russo Vladimir Ilic nutriva per chi contrastava il principale avversario di Mosca, in quel frangente sostenitore delle Armate bianche e per oltre un secolo nemico numero uno nel cosiddetto “Grande Gioco” asiatico. Il re dell’indipendenza afghana non può essere annoverato fra i rivoluzionari, ma metteva di buon umore Lenin quando, nel 1921, firmava un trattato che “appoggiava la lotta dei popoli d’Oriente”. Per quanto, in occasione d’una rivolta sostenuta dai sovietici contro l’emiro del Bukhara, Amanullah ospitò a Kabul il suo omologo spodestato. Come pure diede rifugio ai ribelli islamici basmachi fuggiti dall’area di Bukhara e del Turkestan dopo la repressione dei loro moti. Il contatto con un innovatore seppur autoritario come Kemal Atatürk avvenne nella dinamica dei nuovi assetti mediorientali caratterizzati da spinte e ‘spine’ autoctone delle nascenti nazioni e delle leadership che si confrontavano. L’ispirazione del movimento dei “Giovani afghani”, di cui Amanullah fece parte, erano le idee moderniste e panislamiche propugnate dai “Giovani turchi”. Se si vuol cercare un comune denominatore fra i due politici, lo si trova nella reciproca volontà da fedeli islamici di perseguire un modello di Stato laico. Ma ulema naqshabandi e pashtunwali erano decisamente più forti del clero e delle tradizioni ottomane e Amanullah ne subì le conseguenze finendo spodestato da un crescente moto di protesta guidato da un tajiko, detto figlio del portatore d’acqua (Baccà-ye Saccaò). Il re progressista fuggì in Europa e lì rimase. Riparò in Italia e morì nel 1960.

Occorre ricordare che, differentemente dai “Giovani turchi” dotati d’una struttura paramilitare e rodati dalla pratica, gli afghani riformatori non godevano di simile organizzazione. Comunque il rivoltoso Baccà-ye ebbe vita breve, fu rimosso da un parente di Amanullah, Nadir Khan, più accomodante verso gli ulema e fautore nel 1931 d’una nuova Carta costituzionale. Chi lo seguì, il diciannovenne figlio Zahir Shah (1933-73), riprese il percorso modernizzatore di Amanullah sul terreno di scolarizzazione e diritti civili, occupandosi poi delle carenze citate: esercito e burocrazia che negli anni Cinquanta vennero rafforzati. È il periodo ricordato dagli storici interni quale nuova ondata riformatrice, che con la Costituzione del 1964 legalizzava partiti politici e libera stampa. Pur definendo l’Islam sacra religione dell’Afghanistan, limitava il riferimento ai princìpi della Shari’a come elementi fondanti delle leggi parlamentari. È di quella fase la divisione bicamerale, con una camera bassa (Wolesi Jirga) che eleggeva ogni quattro anni i suoi rappresentanti e un senato (Meshrano Jirga) i cui membri erano scelti nei consigli distrettuali e per un terzo venivano nominati dal sovrano. In quella circostanza le donne ebbero il riconoscimento di far parte dell’elettorato. Ovviamente non era tutto rose e fiori, le elezioni dell’anno seguente furono accolte con freddezza dalla popolazione. La percentuale di votanti fu scarsa, la partecipazione delle donne bassissima, pochissime furono le elette. I gruppi etnici sulla spinta di capi tribali e ulema continuavano a orientare i comportamenti delle persone inserite nelle comunità. L’assenza di lavoratori tipici del capitalismo avanzato, gli operai di fabbrica, per mancanza d’industrializzazione, gli strati rurali spesso ribelli e repressi creavano una profonda dicotomia fra vertice e base della nazione.

Anche la formazione del Partito popolare democratico dell’Afghanistan, ispirato da princìpi socialisti, che poteva trarre spunti dal riformismo illuminato della monarchia e poi del sistema repubblicano, rimase vittima della schematica rigidità d’una tarda visione “terzo-internazionalista” ingessata nelle sue teorie, ben distanti dal materialismo dialettico dei padri del comunismo teorico. Mentre prendeva piede il movimento islamico, sull’onda delle predicazioni di Sayyid Qutb (l’egiziano condannato a morte da Nasser) e del teologo pakistano Abul Maudidi, fondatore egli stesso di quella Jamiat-e Islami in cui si ritrovarono Burhanuddin Rabbani, e pure Massud e Hekmatyar, prima della divisione che li portò a combattersi nella guerra civile, seguita al ritiro sovietico dopo otto anni d’invasione. Il travagliatissimo quarantennio della Repubblica Islamica Afghana è indubbiamente più conosciuto rispetto ai precedenti periodi che hanno conosciuto fasi anche di stabilità e minore tensione. Certamente le generazioni vissute fra le due guerre mondiali, evitate dall’Afghanistan, la prima per ragioni d’età quindi per acutezza e opportunità politica di quello Zahir regnante per quattro decenni, hanno conosciuto un’esistenza meno drammatica delle generazione che da metà anni Settanta sono nate nei campi profughi conoscendo solo guerre e scempi. E il presente, che in tanti dicono di voler pacificato, non ha risolto contraddizioni geopolitiche, etniche, culturali, religiose che altre figure, chiamate khan, s’erano comunque poste provando a offrire soluzioni. I “colloqui di pace” ora in atto, le elezioni presidenziali del prossimo settembre sembrano le maschere per continuare a proseguire massacri, sebbene gli ultimi li stiano praticando i jihadisti del Khorasan. Ma in questo secolo i massacratori della gente afghana sono stati tanti. E continuano a esserlo.

Fonte

Hong Kong: tra narrazione dominante e contraddizioni reali

di Nicola Casale, Raffaele Sciortino

Quella di Hong Kong è platealmente una “rivoluzione colorata”. Ma, come ogni rivoluzione colorata, poggia su effettive basi materiali.

Il primo aspetto è palese. Lo evidenziano l’appoggio esplicito dei politici statunitensi – da Trump alla Clinton – e inglesi, la foto di alcuni leader della rivolta assieme a una funzionaria del consolato sicuramente in organico Cia (v. foto qui sotto da https://www.zerohedge.com/news/2019-08-08/evidence-cia-meeting-hk-protest-leaders-china-summons-us-diplomats-over-viral-photo: “consultazione” che gli interessati non hanno potuto smentire),


le bandiere a stelle e strisce sventolate nei cortei e quella di HK colonia britannica issata in occasione dell’irruzione al parlamento locale (mentre nell’assalto del 21 luglio all’ufficio diplomatico di Pechino l’emblema cinese è stato distrutto),





le continue provocazioni violente chiaramente finalizzate a suscitare una risposta dura della polizia (comparirà anche qualche cecchino Cia-diretto che come a Maidan spara contro rivoltosi e poliziotti?),


l’appoggio dei media occidentali – basta confrontare con il tipo di copertura mediatica sui gilets gialli o, per venire ai pennivendoli nostrani, sulle “ingiustificate violenze” dei NoTav – contro l’“autoritarismo di Pechino”, il supporto di Facebook, Twitter, ecc. e ovviamente l’azione neanche tanto nascosta delle Ong – lautamente sovvenzionate, ancor più che in occasione della protesta degli ombrelli dell’autunno 2014, dal National Endowment of Democracy, organo principale del soft power del Pentagono (https://www.strategic-culture.org/news/2019/08/17/the-anglo-american-origins-of-color-revolutions-ned/). Insomma, la Coalizione dei diritti civili non manca di appoggi di un certo peso...

Si potrebbe continuare. Ma, si diceva, come ogni rivoluzione colorata anche questa non è una pura costruzione mediatica o delle Ong, bensì poggia anche su basi materiali, con il presente incernierato in un pesante passato storico. È dunque indispensabile indagare su questi fattori, sia per analizzarne i risvolti sul piano dell’intreccio tra lotta di classe e scontro geopolitico Usa/Cina, sia per individuare qualche elemento eventualmente suscettibile di innescare una lotta qualitativamente diversa. Evitando così le opposte e speculari rappresentazioni di una mobilitazione sociale “spontanea e pulita” ma strumentalizzata dall’Occidente, e di un mero complotto eterodiretto.

Per comprendere quello che succede è necessario guardare innanzitutto alla storia. Nata come possedimento coloniale inglese a seguito delle guerre dell’oppio (sì, oppio!) di metà Ottocento, HK ha costruito la sua fortuna grazie allo sviluppo combinato e diseguale proprio dell’imperialismo. Dapprima porto franco per le merci da vendere alla Cina e hub per i prodotti cinesi da convogliare in Europa sottoposti al prelievo degli operatori commerciali britannici, ha progressivamente sviluppato una capacità produttiva propria, anche se prevalentemente di solo assemblaggio, grazie ai trasferimenti di popolazione e capitali dalla Cina toccata via via dalle rivolte dei Taiping, dei Boxer e infine dalla rivoluzione maoista. Dopo questa e la chiusura ufficiale della Cina Popolare, HK è divenuta ancora più ricca e cruciale fungendo da intermediario obbligato e spesso illegale per gli scambi economici con l’Occidente (questo aspetto dell’illegalità non va sottovalutato, gioca un suo ruolo ancora oggi: il movimento odierno nasce, non a caso, contro una legge che cerca di intaccare quello che è un vero e proprio diritto storico all’impunità legata all’intermediazione commerciale e finanziaria, fondamentale per lo sviluppo di HK come paradiso fiscale, ma oggi meno accettabile per Pechino, tanto più nella guerra commerciale in corso con Washington, per il rischio costante sia di ingresso di hot money puramente speculativo sia di fuga di capitali). Via via che la Cina sviluppava una propria produzione restando però esclusa dall’accesso diretto al mercato mondiale, HK ha potuto rafforzare il suo ruolo di intermediario per un mare di prodotti cinesi che raggiungevano il mercato occidentale con l’etichetta made in HK, con un intreccio peculiare tra prelievo neocoloniale occidentale e interessi dei cosiddetti cinesi d’oltremare.

Ma con l’apertura della Cina di Deng al mercato mondiale nel ‘79 – dopo il riavvicinamento con gli Usa in funzione anti-russa siglato dall’incontro Nixon-Mao del ’72 – le cose sono radicalmente cambiate. HK era destinata a perdere il suo ruolo di mezzano e, infatti, a inizio anni Ottanta Londra ha concordato la sua restituzione alla Cina. Ma se non serviva più come hub commerciale, poteva servire come cuneo politico. Questo il motivo per cui la Gran Bretagna si è battuta per inserire nell’accordo di restituzione la clausola dei cinquant’anni di “doppio sistema”, conservando all’Occidente una possibilità di influenza politica oltre che economica. Clausola preveggente, come si vede oggi.

Dal ’97, anno della restituzione, HK ha ancora conosciuto un periodo di benessere, grazie soprattutto al ruolo di snodo finanziario e di servizi commerciali nel traffico di capitali in entrata e in uscita da una Cina buttatasi a capofitto nei vortici della globalizzazione. Se infatti Pechino ha mantenuto uno stretto controllo sui flussi di capitale, ha però consentito a HK una rilevante libertà di movimento, purché essa non andasse a intaccare quella politica di controllo.

Se con la restituzione la Cina programmava di lasciare ad HK il suo ruolo di grossa piazza finanziaria volgendolo a suo esclusivo vantaggio, in quello stesso anno una grande crisi finanziaria colpì le tigri asiatiche, tra le quali appunto HK. Secondo molti analisti quella crisi è stata creata ad arte tramite, in particolare, la manipolazione del valore del dollaro – come già avvenuto con gli accordi valutari cui Washington aveva costretto il Giappone nel decennio precedente. Comunque sia, le tigri videro moltiplicarsi di colpo il valore dei propri debiti contratti in dollari e le loro economie furono oggetto delle solite amorevoli cure del FMI. La Corea del Sud ne rimase succube, la Thailandia cercò di resistere liberandosi negli anni a seguire del cappio dei debiti con il FMI. HK soffrì moltissimo e il governo centrale cinese dovette intervenire per sostenere il dollaro HK bersaglio di una violenta svalutazione. Insomma, l’obiettivo cinese di disporre in proprio di una piazza finanziaria di un certo rilievo si rivelò problematico ancora prima di iniziare a diventare realtà.

Nonostante ciò, nel decennio che precede lo scoppio della crisi globale HK grazie sempre all’aiuto cinese ha recuperato in parte significativa il proprio ruolo finanziario. Ma per Pechino è diventata chiara la necessità improrogabile di puntare a una politica diversa per accedere al mercato dei capitali, tale da non esporre troppo la Cina come stato all’indebitamento internazionale. Da allora, pur continuando a usare HK, Pechino ha puntato a costruire una propria struttura borsistica e finanziaria, concentrandola essenzialmente nella piazza di Shanghai.

Sulla scelta, in verità, può avere avuto un peso anche la scarsa affidabilità di HK a causa delle mai sopite velleità di indipendenza. Fatto sta che, oramai, la situazione è chiara a tutti: il Porto Profumato è destinato a un inevitabile declino a causa della perdita della sua peculiare rendita di posizione nel tessuto del (neo)colonialismo prima e della globalizzazione ascendente poi.

Questo il retroterra materiale delle angustie odierne della società di HK. La situazione economica e sociale è dunque destinata a mutare profondamente non per una scelta politica “autoritaria” di Pechino, quella di assimilare completamente HK alle condizioni economiche e sociali della Cina, ma per un evidente mutamento del suo ruolo nell’economia mondiale. A maggior ragione oggi con la riconfigurazione in corso degli assetti della globalizzazione che l’assalto yankee alle velleità cinesi di sviluppo capitalistico meno dipendente dall’imperialismo sta causando.

Le oligarchie finanziarie di HK ne sono consapevoli: per conservare almeno in parte il proprio ruolo non hanno altra opzione che sperare nella disponibilità della Cina di lasciar loro un qualche spazio nell’ambito del suo consolidamento come potenza economica mondiale (le difficoltà attuali della banca internazionale HSBC nei rapporti con Pechino illustrano bene questo aspetto: https://wolfstreet.com/2019/08/19/hsbc-runs-into-buzzsaw-in-hong-kong-china-its-home-market-generating-75-of-its-profits/). Ma sono anche consapevoli che molti passi indietro saranno inevitabili rispetto al glorioso e non più ripetibile passato: non per nulla il contributo di HK al Pil cinese è passato nel corso degli ultimi vent’anni da quasi un terzo al 3%.

I ceti proletari, soprattutto i più bassi, non certo piccoli numeri, possono avere con la completa assimilazione persino qualche speranza di miglioramento. A HK, infatti, le disuguaglianze sociali sono molto più acute di quelle che lo stato cinese consente al proprio interno – un quinto della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà (https://www.scmp.com/news/hong-kong/society/article/2174006/record-13-million-people-living-below-poverty-line-hong-kong) – e una parte dei proletari di HK hanno condizioni persino peggiori di quelle dei mingong del continente (https://www.lastampa.it/topnews/primo-piano/2019/08/20/news/i-filo-cinesi-della-citta-ribelle-hong-kong-ingrata-con-pechino-1.37361377). È anche a loro che si rivolge il Global Times, testata cinese in lingua inglese su posizioni di inequivocabile nazionalismo, del tredici agosto: “Tutte le rivoluzioni colorate hanno ragioni interne, come il cattivo sostentamento e il divario crescente tra ricchi e poveri. Una rivoluzione colorata è una sventura in quanto prende ridicolmente la "democrazia" come ricetta per profondi problemi economici” (http://www.globaltimes.cn/content/1161356.shtml).

Il problema più bruciante riguarda, ovviamente, i ceti medi (in gran parte salariati), in particolare gli aspiranti ceti medi del futuro, ossia i giovani con grado di istruzione medio-alto (sul profilo sociale del cuore giovanile della protesta v. l’interessante articolo su https://www.scmp.com/magazines/post-magazine/long-reads/article/3019591/why-hong-kongs-angry-and-disillusioned-youth-are). Per loro la prospettiva quasi certa è che dovranno rinunciare alle condizioni dei propri genitori. Lavori e redditi buoni non saranno replicabili che per un’infima minoranza; per gli altri è possibile prevedere un sicuro peggioramento e, persino, l’incertezza di poter rimanere nel settore dei servizi cognitivi e della finanza, con il rischio di dover scendere allo scalino sociale del lavoro “materiale”.

La loro rivolta prende il nome della libertà e della democrazia – Libera Hong Kong è lo slogan principale dei manifestanti – ma ha come base reale il rifiuto di questo prevedibile futuro. Per invertire la prospettiva, però, libertà e democrazia non bastano, sarebbe necessario riportare HK alla precedente rendita di posizione sulle condizioni diseguali del rapporto della Cina con il mercato mondiale. Una buona parte dei rivoltosi sembra esserne del tutto consapevole, e lo dimostra – oltreché sigillando rigorosamente rivendicazioni e proteste rispetto alla condizione sociale proletaria, dei locali e degli immigrati – imbracciando le bandiere coloniali e invocando l’aiuto yankee. Il che vuol dire, piaccia o no, appoggiare la politica di Washington tesa a ricacciare la Cina al suo ruolo di paese completamente dipendente e subordinato all’imperialismo occidentale. Appoggiare, insomma, la politica obamiana del pivot to Asia con il contenimento dello sviluppo cinese, e la sua continuazione trumpiana dai ritmi e toni più espliciti. (Lasciamo perdere se poi gli yankees vogliono e sono ancora in grado di ricompensare gli utili idioti... gli italioti ne sanno qualcosa). Natura e programmi delle forze politiche che stanno alla guida delle proteste – tutt’altro che disorganizzate nel loro essere orizzontali, e con ampio appoggio anche nelle fasce meno giovani dei ceti medi – sono abbastanza eloquenti al riguardo, con uno spettro che va dagli indipendentisti e xenofobi anti-cinesi (i “localisti”) ai moderati pro diritti civili passando per gli adepti delle chiese filo-occidentali.



Ora, il rifiuto della precarietà potrebbe costituire, preso in sé, una base formidabile per l’avvio di una seria lotta di classe. Ma per esserlo si dovrebbe rivolgere non a Trump e alla ex potenza coloniale, ma alla massa di tutti i precari, a HK e in Cina. Lo stesso rifiuto della prospettiva del lavoro manuale potrebbe costituire, in sé, una base ancor più formidabile per un movimento veramente anti-sistema capace di mettere in questione una società nella quale l’enorme produttività del lavoro realizzata dal sistema capitalistico continua a schiacciare alla pena del lavoro miliardi di persone. Ma, ancora una volta, il movimento dovrebbe cercare i suoi alleati nella massa già costretta a questa pena e non certo a chi la vuole confermare e persino peggiorare per tutti i proletari, della Cina e del mondo. Del pari, le rivendicazioni per alloggi e servizi sociali sostenibili è sacrosanta – gli affitti sono tra i più cari al mondo (https://www.scmp.com/magazines/post-magazine/long-reads/article/3019591/why-hong-kongs-angry-and-disillusioned-youth-are) – ma andrebbero portate avanti contro la finanziarizzazione dell’economia della città che fa lievitare la rendita immobiliare e in generale il prezzo di tutti i servizi, piuttosto che arroccarsi intorno all’identità di “cittadini di Hong Kong” che non vogliono confondersi con “quelli del continente”.

Va detto che la piega presa dal movimento di HK non dà alcun segnale di volere o potere evolvere in queste direzioni. Fuori luogo sarebbero gli accostamenti, per esempio, con la mobilitazione di piazza Tahrir: HK economicamente è più confrontabile, per dire, col Qatar che non con l’Egitto, e soprattutto la sollevazione egiziana è stata oltre che generazionale anche e decisamente proletaria e operaia, le sue rivendicazioni democratiche si sono sostanziate con contenuti economico-sociali classisti rivolti contro una cricca di potere strettamente legata all’imperialismo occidentale. I limiti di Tahrir – pur notevoli, come ha tristemente evidenziato il suo esito finale – sono comunque ben al di sopra degli aspetti meno compromessi della mobilitazione di HK. Che semmai ricorda alcune istanze secessioniste ben note in Europa. Di ambivalenze potenzialmente produttive, insomma, se ne vedono assai poche, almeno al momento.

La sua prosecuzione – ce ne sono, abbiamo visto, tutti i motivi, all’interno e dall’esterno – crea e creerà, ovviamente, problemi a Pechino. Tutti i nemici della Cina, che a casa propria non esitano o non esiteranno a reprimere senza limiti i movimenti di protesta (come già la Francia con i Gilets Jaunes e l’Italietta con i No Tav), aspettano al varco la repressione del movimento per poter dare fuoco alle grancasse sulla natura inguaribilmente dittatoriale di Pechino, e ricevere così legittimazione di fronte all’opinione pubblica per proseguire le loro politiche di contenimento e contrasto al suo tentativo di svincolarsi dall’asimmetria nei confronti dei capitali, e delle capitali, occidentali. Non è detto, però, che la Cina dia corso a interventi repressivi su vasta scala. Potrebbe lasciare che HK discenda altri gradini della sua stabilità e affidabilità, con conseguenze sociali ancora più pesanti proprio per i ceti in rivolta...

Washington, comunque vada, tenterà in tutti i modi di sfruttare la vicenda non solo per mettere in un angolo la Cina nello scontro in corso sui dazi commerciali, ma per utilizzare la questione HK come permanente spina nel fianco del nemico, attaccato così oramai fin dentro il proprio territorio nel quadro di una contrapposizione che spinge in prospettiva verso un confronto totale. Sarà poi la volta dello Xinjiang con l’oppressione degli uiguri, del Tibet coi suoi monaci così apprezzati dai new age occidentali... Ciò non toglie che in Asia l’immagine dell’Amerika risulta sempre più appannata: sarà pure la nazione più potente ma sempre meno viene considerata la migliore. E solo l’inveterata miopia eurocentrica che attanaglia la putrescente sfera mediatica occidentale può non vederlo.

Certo, se Pechino dovesse non riuscire a compensare in tempi e modi debiti, sul mercato interno e con le nuove Vie della Seta, la progressiva chiusura dei mercati occidentali, il campanello d’allarme che squilla da HK potrebbe essere l’annuncio di seri problemi anche nel compromesso che finora ha funzionato tra Stato cinese e ceti medi interni (subordinato, attenzione, a quello con il proletariato e i contadini). Il vecchio sogno da Nixon a Reagan, da Clinton a Bush e Obama di liberalizzazione dei rapporti politici cinesi per spianare la strada alla manomissione permanente della Cina da parte delle molto più potenti forze di mercato occidentali avrebbe qualche chances in più di realizzarsi. Una “Cina democratica” vanificherebbe la centralizzazione delle scelte politiche dello stato, rendendo il paese più debole nei confronti dell’Occidente, porterebbe dunque un segno di classe nettamente contrapposto ad una rivendicazione democratica da parte del proletariato cinese, una rivendicazione cioè di potere contro chi detiene il vero potere, l'imperialismo e, assieme a questo, contro le classi possidenti cinesi e il loro stato.

Tutt’altro che uno sviluppo armonioso dunque si annuncia prossimamente per la Cina. Ma gli occidentali, per contrappasso, avranno poco da godersi della difficoltà del Dragone se è vero che gli sconquassi futuri non potranno che rimettere in moto su tutti i livelli lo scontro di classe. Che non si fermerà certo al di qua della muraglia cinese e alla questione dei “diritti” – scibbolet indiscusso, oramai, per tutte le sinistre occidentali incapaci di chiedersi di fronte ai movimenti sociali: chi siete? cosa volete?, incapaci di mettere a fuoco i differenti contenuti economico-sociali delle richieste democratiche. Questo scontro andrà a rimettere in discussione, oltre agli equilibri di classe interni alla Cina, anche la rapina di sovraprofitti da cui l’imperialismo occidentale oramai dipende per mantenere il suo precarissimo equilibrio economico e sociale – peraltro già scosso dall’emergere dei neopopulismi (http://www.asterios.it/catalogo/i-dieci-anni-che-sconvolsero-il-mondo). Il mondo si è fatto piccolo, sostituti per il corpo – tutt’altro che piegato, però – del proletariato cinese e asiatico in giro non se ne vedono. Attenzione a risvegliarlo...



22 agosto 2019

Fonte

La crisi italiana, quella europea ed il “terzo occhio”

L’attuale crisi italiana è frutto diretto delle turbolenze del mondo multipolare che il Bel Paese semplicemente subisce, senza reagire, in balia di una classe politica home made che si accontenta di certificare un ruolo di totale subordinazione al “Partito Americano” così come alle oligarchie europee, in balia della centrifuga della Storia.

Le due formazioni che hanno formalmente governato fin qui il Paese, erano espressione di classi sociali incapaci per loro stessa natura di esercitare una egemonia durevole, figuriamoci costruire l’abbozzo di un “interesse generale”, e in una dinamica in cui le molteplici frizioni si sono tramutate in scontro, e in un giro di boa importante – vista l’agenda politica reale continentale – il governo grigio-verde si è sciolto come neve al sole.

Certo, “il comandante” ci ha messo del suo, giocandosi il tutto per tutto, ma alla luce dell’imminente sterilizzazione della sua maggiore arma di distrazione di massa su cui concentrare l’attenzione,gli sbarchi, e dopo avere incassato due vittorie su Decreto Sicurezza Bis e Tav, sapeva che sarebbe iniziato il piano inclinato della sua azione di governo e probabilmente il suo inesorabile declino.

La presidenza di una commissione europea che probabilmente non sarebbe stata data all’Italia (o almeno non ad una personalità gradita al governo), la manovra finanziaria “lacrime e sangue” che si prefigurava, i catastrofici dati economici del Paese, le scelte imperiose in termini di politica estera, erano uno scoglio troppo grosso da affrontare rimanendo indenni per la Lega mentre numerosi dossier sul tavolo targati M5S a lungo rimandati non erano certo graditi alla base sociale del Carroccio e l’unica chance era forse proprio bluffare con una fare da spaccone – dopo le futili chiacchiere sulla flax tax per ribadire gli interessi che voleva far prevalere, ma era pura propaganda anche facendo i conti della serva – una finta che mostrava una debolezza strutturale nell’iperbolica personalizzazione che ha voluto dare allo scontro politico.

Tra i due contendenti, il terzo gode dice l’adagio popolare, e in questa “crisi del Mojito” è stata proprio la parte del governo che aveva un filo diretto con Bruxelles e Washington a risultare vincitrice e che ora di fatto dirige l’orchestra conto terzi.

L’anomalia dei “pentastellati” è stata neutralizzata definitivamente, anzi pienamente cooptata dentro le strategie di governance della Ue con il voto a favore dell’ex ministra della difesa tedesca von der Leyen alla carica di presidente della Commissione Europea (un governo “giallo-rosso” sarebbe assolutamente in linea e conseguente con questo processo), mentre Salvini è stato collocato ai margini della scena politica, con buona pace di chi aveva agitato lo spettro di un pericolo cosiddetto “sovranista” sul Continente e che a conti fatti si è rivelato solo uno spauracchio per rilegittimare i pilastri politici franco-tedeschi che governano l’Unione e le due grandi famiglie partitiche europee.

Certo già si sprecano le narrazioni di una pagina buia ormai alle spalle, come se ciò che ci aspettasse non fosse ancora più cupo.

Difficile non essere spaventati da come l’intero apparato mediatico, che ha messo sempre e costantemente sotto i riflettori il leader DJ, ora lo tratti come un comparsa.

Viviamo proprio in tempi buffi...

C’è voluto Giulio Tremonti, per ricordare attraverso una lettera al Sole 24 Ore di mercoledì 21 agosto, la brutalità e pretestuosità dei Diktat dell’Unione nei confronti dell’Italia dell’annus horribilis 2011, incipit di una dinamica che rimane tutt’ora immutata e che fa del nostro Paese la vittima sacrificale delle politiche della UE, a cui un ceto politico si allinea pedissequamente da Monti in poi come fu per l’indurimento della “clausola di salvaguardia” rispetto alla formulazione iniziale, ed al calcolo del contributo al Fondo salva banche non in base all’esposizione (il sistema bancario franco-tedesco era fortemente esposto nella crisi greca rispetto all’Italia) ma in base al Pil...

Ricordate? Da un giudizio positivo della Banca d’Italia date a Draghi il 31 maggio, ed il giudizio del Consiglio Europeo a Giugno, si giunse alla lettera del 5 agosto di BCE – Banca d’Italia, in cui si paventava il rischio default – in caso di una mancata risposta urgente entro l’8 agosto, ci rammenta Tremonti…

A parte lui, nessuno si è sognato di svelare il vero deus ex machina che domina la politica italiana, un pilota automatico che ha svuotato di una qualche reale capacità decisionale il nostro sistema politico, certo non è un “processo lineare” come credeva Renzi ai tempi del referendum istituzionale, e che ha comunque bisogno di agenti credibili a cominciare da quei corpi intermedi politico-sindacali che fanno della complicità con le oligarchie europee un atto di fede.

Da Bruxelles sembra che continuino a dirci questo: firmate una resa senza condizioni e vedremo di essere il più possibile clementi, perché se anche fate finta di alzare la testa ve la mozziamo senza pensarci due volte...

Sono tante e tali le incognite nei mesi a venire che l’Europa neo-carolingia franco-tedesca non può permettersi il lusso di perdere il tempo con noi, se non per evitare meccanismi di destabilizzazione che moltiplicherebbero i problemi per le élite al comando.

Elenchiamoli: lo scontro commerciale USA-CINA, l’escalation bellica nello Stretto di Hormuz ed il futuro dell’accordo sul nucleare iraniano, la Brexit che potrebbe portare ad un “no deal”, la possibile crisi della “Groko” dopo le elezioni di settembre/ottobre in tre Land orientali ed i pessimi dati dell’economia, le possibili nuove elezioni in Spagna in caso di mancato governo, ed un “rientro” politico in Francia che si preannuncia piuttosto caldo per Macron...

Se l’Unione ha fin qui dimostrato una certa capacità di “resilienza” alle crisi, il personale politico che ne stato il pilastro sta uscendo con le “ossa rotte” da questa fase, mentre la “variante populista” sia di destra sia di sinistra si è fin qui dimostrata incapace di incidere veramente nei processi decisionali all’interno anche solo di un singolo Paese.

Una unica eccezione sembra essere quella del movimento delle “giacche gialle” che ha imposto in Francia la cancellazione della tassa di transizione ecologica ed altre misure che seppur minime hanno portato qualche beneficio alla condizione dei subalterni d’Oltralpe, senza che però le altre rivendicazioni fossero accolte. Il movimento ha tuttavia una sedimentazione a livello popolare, “politicizzando” parti non trascurabili di classe.

I Gilet Jaunes sono stati un movimento reale che ha reso fecondo il terreno per il fiorire di lotte – anche a livello del mondo del lavoro – piuttosto importanti e largamente ignorate in Italia: dalla logistica alle poste passando per gli insegnanti e studenti, fino a quelle dei pronto soccorso – sono più di 200 quelli ancora in sciopero per un movimento che dura da 5 mesi – hanno consolidato un legame trasversale tra subalterni: una precisa identità di classe, fatto emergere una contrapposizione frontale tra questi e gli strati medio-alti della società, consolidato un capitale politico ed organizzativo “diffuso” in grado insieme ai settori sociali, alle organizzazioni sindacali e alle formazioni politiche con cui ha interloquito di rilanciare probabilmente una nuova stagione di conflitto nelle settimane a venire...

Lo scenario che si profila all’orizzonte in UE intreccerà probabilmente questi tre elementi che caratterizzano la fase politica: la necessità di un “balzo in avanti” dell’Europa neo-carolingia a guida Franco-Tedesca dentro la competizione globale che assume i connotati anche della “forma-guerra”, lo sfarinamento della rappresentanza politica fin qui conosciuta e la sua ricomposizione rispetto agli obiettivi prioritari della UE (e questi giorni della crisi italiana ne sono un laboratorio), l’emergere di un conflitto sociale spurio e proteiforme dai caratteri organizzativi transitori e fluidi ma che è l’unica chance per rendere riattualizzabile l’idea di una trasformazione politico-sociale radicale.

Per chi ha cura di documentare la realtà per trasformarla l’atteggiamento da tenere deve essere grosso modo quello suggerito dal celebre cineasta comunista Joris Ivens: “un occhio guarda la realtà attraverso il mirino della cinepresa, mentre l’altro rimane spalancato su tutto ciò che succede intorno alla piccola immagine racchiusa nell’inquadratura. Un terzo occhio, se così si può dire, deve essere rivolto al futuro”.

Senza quel terzo occhio che guarda il futuro, avremmo comunque una visione d’insieme ma saremmo condannati ad appiattirci alle miserie del presente, in questo caso ad un impasse politico e al ristagnare di ogni ipotesi anche parziale di cambiamento.

Fonte
Dicevano i nostri maestri che la storia che conosciamo è storia di lotte di classe. Se avessero avuto come riferimento le istituzioni e il loro rispetto, l'umanità si troverebbe probabilmente ancora al Medioevo.

La crisi di governo che è andata in onda a reti unificate è stata definita un “evento storico”. Nel 2019, in effetti, anche una fiction di quarto ordine può essere considerata tale.

Abbiamo sentito che Conte avrebbe “asfaltato” Salvini in diretta ed effettivamente il sistema mediatico ci ha mostrato qualcosa di simile. Un primo piano con l’ex Presidente del Consiglio in piedi e un ministro dell’interno cereo, piegato su un rosario con gli occhi vitrei e una gestualità che via via non poteva che accompagnare le nubi che si addensavano sulla sua persona.

L’intervento di Conte era centrato sull’unico discorso politico che poteva servire a costruire una nuova maggioranza responsabile: il rispetto delle istituzioni, della tradizione e del protocollo. Quella tradizione che Salvini avrebbe ridicolizzato in ultimo con le danze del Papete Beach, con le forzature della procedura istituzionale, con il richiamo al popolo.

Così abbiamo assistito ad una recita in cui nessuno spazio è lasciato alle cause reali della crisi, un suicidio senza movente come se la politica non c’entrasse nulla.

Verrebbe a questo punto da chiedersi cosa intende il nostro mainstream mediatico parlando di istituzioni. Forse la risposta sta nell’accostamento piccato di qualche giorno prima, quando il ministro dell’interno coi boxer a una festa in spiaggia veniva confrontato con l’ex Presidente Aldo Moro fotografato negli anni ‘60 in una spiaggia deserta vestito in giacca e cravatta con un libro in mano, accanto alla figlia. Come a confrontare due stili di fare politica apparentemente incompatibili.

Moro negli anni ‘60 era un potente bigotto e austero, Salvini nel 2019 era semplicemente in preda a un delirio più o meno spontaneo. Un confronto tutto basato sull’apparenza, un confronto ipocrita.

In Italia, per rimanere al solo dopoguerra, le istituzioni sono state rispettate con la cessione di sovranità alla NATO, con le trame delle varie logge massoniche, con le stragi di Stato, con i rapporti con la mafia, infiltrata in qualsiasi livello politico. Con le repressioni dei movimenti rivoluzionari, con le torture e le morti in carcere e potremmo continuare l’elenco.

La politica italiana è sempre stata così rispettosa delle istituzioni che non ha esitato a stracciare la Costituzione ogni qualvolta è stato possibile. Le istituzioni che si dovrebbero rispettare sono ben rappresentate da quei servitori dello Stato che hanno fatto carriera dopo la mattanza del G8 di Genova.

Salvini era e rimane un reazionario pericoloso e inguardabile, ma se la sua sconfitta si basa solo su un richiamo al rispetto di alcune regole formali allora non capiamo cosa ci sia da gioire per i lavoratori e per gli sfruttati.

Rimarrebbe da capire se la ricerca della “correttezza istituzionale” sia semplicemente un modo per non affrontare i nodi politici reali o se quello che loro intendono per “istituzioni” è quella cosa spaventosa che serve solo a schiacciare i più deboli e chi si ribella. Ma, molto probabilmente, sono vere entrambe le cose.

Collettivo Comunista Genova City Strike

Fonte