Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 22 novembre 2018

benito.it

di Alessandra Daniele

Bentornato, utente PD. Il tuo cazzaro.it ha fallito miseramente. Per tornare al potere hai quindi bisogno anche tu dell’upgrade a benito.it.

Segui la nostra procedura guidata per configurarlo.

1 – Inserisci il nome del tuo benito.it
Marco Minniti

2 – Inserisci la password.
Aiutiamoli a casa loro
Password debole.
Spezziamogli un braccio
Password accettata.

3 – Scegli tre caratteristiche vincenti.
Arroganza. Doppiezza. Opportunismo.
Hai scelto la stessa combinazione del tuo Cazzaro. Complimenti per la coerenza.

4 – Scegli un personaggio storico recente di riferimento.
Francesco Cossiga

5 – Inserisci una credenziale pubblica.
“L’Italia ha avuto soltanto due ministri dell’Interno: Marco Minniti e Francesco Cossiga” – Generale Mario Mori, ex comandante del ROS e direttore del Sisde, a “In Onda”, La7 .

6 – Inserisci una credenziale riservata.
[box criptato]

7 – Alla calvizie aggiungi un tic, un modo di fare tipico del Benito originale per suscitare riconoscimento istintivo.
Annuire ripetutamente alle proprie affermazioni come se le avesse appena fatte qualcun’altro.

8 – Scegli un capro espiatorio a cui dare tutta la colpa dei danni che tu e la tua classe di sfruttatori avete inferto al paese.
Gli immigrati.

9 – Scegli un modello di Soluzione Finale.
Campi di concentramento in Libia e nel Sahel.

10 – Scegli i tuoi alleati principali nell’operazione.
Cancellierato tedesco.
Governo francese filo tedesco.


11 – Accetta norme e termini di servizio:
Né il PD, né benito.it potranno essere considerati penalmente, civilmente, o politicamente responsabili degli ulteriori danni e delle vittime causate dalla deriva fascista. Di tutto si darà la colpa al suddetto capro espiatorio.
Accetto.

12 – Inserisci il tuo numero di carta di credito.
[box criptato]

Complimenti. Il tuo benito.it è pronto a competere cogli altri.

Originariamente pubblicato l’8 ottobre 2017

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento