Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 22 novembre 2018

Rivolta alla Reunion. Macron invia l’esecito


Nel mentre continuano i blocchi, meno massicci e più mirati (depositi petroliferi, centri commerciali e magazzini della logistica) dei Gilets Jaunes e circola l’idea di trasformare il “black friday” in un “yellow friday”, colpendo i grossi esercizi commerciali, incominciano ad essere evidenti le conseguenze della “marea gialla” sull’economia.

Il governo ha inasprito i toni e negato la piazza (ma non la manifestazione) per Sabato a Parigi, mobilitando sembra qualcosa come 12.500 agenti anti-sommossa (cioè cinque sesti di quelli di cui dispone).

Sono in agitazione in alcune città anche gli studenti delle medie superiori e si aprono le prime brecce in senso positivo tra i lavoratori salariati iscritti ai sindacati, come i lavoratori della CGT impiegati nelle raffinerie e i lavoratori dei trasporti e della logistica di FO.

Il livello più alto del conflitto però non è stato nella Francia metropolitana, nelle sue zone peri-urbane e rurali, ma nell’Oltre-Mare. All’isola di Reunion, dove abitano circa 850.000 abitanti, situata nell’emisfero meridionale dell’Oceano Indiano ad est del Madagascar, le principali strade sono bloccate da sabato, il Paese è paralizzato e da alcuni giorni è in vigore in una buona parte dei comuni, il coprifuoco, mentre nella notte si succedono scontri con le forze dell’ordine, saccheggi agli esercizi commerciali ed altro.

Circa il 40 per cento degli abitanti vive sotto la soglia di povertà e la disoccupazione, in particolare tra i giovani è strutturale. I Gilets Jaunes della Reunion hanno ottenuto il congelamento del prezzo dei carburanti fino a fine quinquennat.

Ma la lotta continua e si sposta sul caro vita e le condizioni di esistenza dell’estrema periferia “francese”. Macron ha dichiarato ieri che terrà un atteggiamento di assoluta fermezza e che avrebbe inviato oggi l’esercito, mentre la France Insoumise ha denunciato l’atteggiamento del governo che parla di ripristino dell’ordine senza avere fatto nulla per la giustizia sociale.

La vecchia tara coloniale appare con tutta la sua forza. Certamente un movimento “inatteso” ha coagulato un blocco sociale eterogeneo e poco disposto “a mollare”, nella metropoli come nell’estrema periferia.

Fonte


Nessun commento:

Posta un commento