Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 15 novembre 2018

Come Trump guarda agli Stati Uniti e al mondo

Intervista a Mohamed Hassan. C’è dell’acqua nel gas? Dall’elezione di Trump, le relazioni tra Stati Uniti ed Europa sono peggiorate. Washington e il Vecchio Continente non sono più d’accordo sulla questione iraniana. Trump ha anche messo in dubbio l’utilità della NATO, volendo fare pressione sui suoi alleati dall’altra parte dell’Atlantico per contribuire maggiormente alle spese militari. Gli europei rispondono con il desiderio di costruire il proprio esercito indipendente da Washington. Un desiderio ritenuto “molto offensivo” in un tweet del Presidente degli Stati Uniti, poco prima delle cerimonie commemorative di questo fine settimana. Nel volume “Il mondo secondo Trump”, abbiamo analizzato le contraddizioni che si vengono a frapporre tra i due storici alleati. Alcune prime risposte sono in questo estratto del capitolo dedicato alla strategia di Trump, curato da Mohamed Hassan, analista e storico militante anticolonialista etiope, da anni in esilio all’estero, insegna in Belgio.

*****

Trump si interroga sull’utilità della NATO. Il nuovo Presidente degli Stati Uniti sarebbe antimilitarista?

No, l’obiettivo di Trump è quello di rendere gli Stati Uniti il ​​paese più potente del mondo. Fino a qui, niente di molto originale. Ma è consapevole che l’attuale sistema è controproducente. Il Pentagono spende una follia per risultati scarsi. “Come possiamo ribaltare la situazione e ricominciare a vincere?”, chiede Trump. “Ciò può accadere solo con l’esercito più moderno e muscoloso del pianeta, che sia anche il più mobile. Noi dobbiamo far pagare una parte del conto per tale trasformazione anche ai sauditi, ai sudcoreani, ai tedeschi, ai giapponesi e agli inglesi. Dopo tutto, li proteggiamo e dovrebbero condividere i costi.”

È in questo senso che Trump si interroga sull’utilità della NATO. L’Alleanza Atlantica fu creata per proteggere l’Europa dall’invasione sovietica dopo la Seconda guerra mondiale. Permetteva soprattutto agli Stati Uniti di controllare il Vecchio Continente. Ma oggi, Trump non vede la ragione per assumersi troppo peso del budget militare europeo. Vuole che gli europei paghino la loro parte del conto.

Questo discorso è ben accolto?

Trump si è inimicato molte persone, compresi i leader statunitensi ed europei che vivono della guerra. Quegli ufficiali, lobbisti, politici, esperti o industriali che si arricchiscono attraverso operazioni militari. Un mondo in pace non interessa loro. Clinton era la madre della guerra. Ma Trump vuole riformare la macchina.

Questo spiegherebbe tutti gli attacchi contro il nuovo presidente degli Stati Uniti?

Alcune critiche sono ovviamente giustificate. Altre suggeriscono che Trump è un uomo da massacrare. Non sarò sorpreso se verrà messo in stato d’accusa prima della fine del suo mandato. Ad esempio, è stato fortemente attaccato per il Muro al confine con il Messico, mentre questa costruzione è stata lanciata da Bill Clinton, con gli applausi del Congresso, e proseguita da Bush jr. Trump non è contrario all’immigrazione. È per l’immigrazione selettiva: “Non voglio porre fine all’immigrazione legale in questo paese. In effetti, vorrei riformare e aumentare l’immigrazione in un certo modo. Le nostre attuali leggi sull’immigrazione sono fatte al contrario: rendono la vita difficile per le persone di cui abbiamo bisogno e la vita facile per le persone che non vogliamo. Il nostro paese è un polo di attrazione per un gran numero di stranieri che sono tra le persone più intelligenti e laboriose, e stiamo rendendo difficile l’installazione nel nostro paese di persone intelligenti che rispettano le leggi”.

Questo è ciò che i paesi europei hanno attuato da lungo tempo! Se vai in una banca, in una compagnia di assicurazioni o nel quartier generale di una grande multinazionale, all’accoglienza troverai dei bellissimi autoctoni. Bianchi, profumati e ben vestiti. Ma negli uffici e negli help desk è pieno di immigrati. Quanti infermieri e medici vengono dall’Europa dell’est negli ospedali europei? Trump vuole fare la stessa cosa. Vuole restituire agli americani i lavori più modesti, ma non si oppone all’immigrazione dei diplomati.

L’immigrazione selettiva è una buona cosa?

Assolutamente no. È una forma di saccheggio che ritarda lo sviluppo dei paesi del sud. Sono contrario all’immigrazione selettiva. Ma riferisco ciò che viene distorto dai media con molta ipocrisia su Trump.

Trump è anche contro l’Obamacare...

Puoi dirmi esattamente cosa sia Obamacare? Hai letto questa legge? È molto importante per capirla. Solo che è così complicata che tutti si perdono. Quando il disegno di legge è stato introdotto al Congresso, è stato rielaborato all’infinito con i lobbisti che rappresentavano le principali compagnie assicurative. Eppure l’Obamacare è diventato come un incantesimo voodoo, è sufficiente solo menzionare questa parola per provocare isterismi. Ma Trump non vuole sopprimere alcuna forma di assicurazione sanitaria. “Non possiamo lasciare gli americani senza la sicurezza sociale con la motivazione che non avrebbero abbastanza entrate”, ha detto il candidato repubblicano. (...) “Il punto è: come possiamo prenderci cura delle persone che non possono mantenersi da sole? Come ho detto, mi piacerebbe vedere un sistema assicurativo privato senza confini artificiali tra gli Stati del nostro paese. Dobbiamo sbarazzarci di questi confini e permettere alle persone e alle imprese di attraversare gli Stati e competere sulla fornitura a nostro maggior vantaggio. Vuoi migliori polizze assicurative ad un prezzo migliore? Aumenta la concorrenza per conquistare clienti”.

E funzionerà?

Questa non è una soluzione miracolosa. Trump è un puro prodotto del capitalismo. Continua a sottolineare il fatto che ha avuto successo negli affari. Pertanto, dovrebbe essere in grado di gestire con successo gli Stati Uniti come una grande impresa. Applica le buone vecchie ricette del capitalismo in tutti i settori, sia economici sia sociali. Il sistema educativo è in bancarotta? Dobbiamo permettere la competizione tra le scuole. Le cattive istituzioni spariranno a favore delle più efficaci. Obamacare è troppo complicato? Dobbiamo consentire la concorrenza tra compagnie di assicurazione e i pazienti avranno i migliori servizi al miglior prezzo...

Sembra logico, giusto?

C’è un problema di dimensioni. La competizione capitalista o funziona o non funziona. Le aziende devono combattere una lotta spietata per sopravvivere. Ciò include la riduzione dei costi al massimo per aumentare i margini di profitto. Se non lo fai, sarai in bancarotta o mangiato da un pesce più grande. Che cosa succederà se applichi questo metodo all’istruzione o all’assicurazione sanitaria? Le scuole ridurranno la qualità dei servizi per rimanere competitive. Gli insegnanti saranno sfruttati al massimo per superare la concorrenza. Questo non è il modo migliore per salvare l’educazione.

Ed è lo stesso per le compagnie di assicurazione. Già ora, nel settore privato, alcuni pazienti non sono coperti perché sono troppo costosi. Inoltre, la competizione capitalista porta inevitabilmente alla formazione di monopoli o oligopoli, i più deboli che scompaiono a favore dei più potenti. Una volta che il mercato è dominato da una manciata di giganti, nulla può impedirgli di concordare l’aumento dei profitti contro l’interesse dei clienti. Lo abbiamo visto in molti settori. L’istruzione e la salute non sono fonti di profitto che possono essere soggette alle leggi del mercato. Questi sono servizi che appartengono al bene comune. Devono essere accessibili a tutti, nelle migliori condizioni, anche se ciò non è redditizio. Non è la concorrenza che raggiungerà questo obiettivo, ma una più equa distribuzione della ricchezza.

Lei dice che Trump non è militarista. Ma è particolarmente ostile all’Iran, mentre Obama è riuscito a raggiungere un accordo.

Penso che con queste dichiarazioni ostili, Trump e la sua squadra vogliano somministrare un sedativo alla casa dei Saud. L’accordo di Obama ha reso l’Arabia Saudita particolarmente nervosa. Trump probabilmente vuole anche rassicurare le lobby filo-israeliane. Da un punto di vista economico, Israele non è molto importante per gli Stati Uniti. Non è altro che una base militare statunitense. D’altra parte, Trump vuole il mercato iraniano. I rapporti tesi tra Washington e Teheran hanno avvantaggiato gli europei, che hanno fatto del loro meglio per prendersi l’Iran. Gli imperialisti sono un gruppo di gangster che possono andare d’accordo, ma non esitano a pugnalarsi alle spalle. L’accordo di Obama e le nuove opportunità commerciali che ha aperto hanno ulteriormente esacerbato queste rivalità.

Perché il mercato iraniano è così importante?

L’Iran è un paese di quasi 78 milioni di persone che non ha la capacità di nutrire la sua intera popolazione. L’età media è molto giovane, l’urbanizzazione al galoppo. Queste condizioni rendono il mercato iraniano un eldorado per le multinazionali. L’Iran ingolosisce l’industria agroalimentare statunitense. Proprio come le compagnie petrolifere che hanno perso l’Iraq dopo il fiasco di Bush jr. Trump sta manovrando per escludere i rivali in Iran e posizionare le compagnie statunitensi sulla scena.

Sembra tuttavia incredibile se si leggono le dichiarazioni di Trump e della sua squadra. L’Iran è designato come il grande nemico...

Queste affermazioni devono essere prese per quello che valgono. Trump è un businessman molto duro nel mondo degli affari. Per vincere i negoziati, crede che si debba essere in una posizione di forza e nascondere il proprio gioco. “Ricorda il principio strategico di ogni negoziato: il campo che ha più bisogno deve partire con il minimo”, scrive Trump . Metodi che applica alla politica estera: “Il mio approccio alla politica estera si fonda su basi solide: agire da una posizione di forza. Ciò significa che dobbiamo mantenere un esercito che sia indiscutibilmente il più forte del mondo. Questo spiega perché Trump aumenta il budget dell’esercito mentre cerca di far pagare i suoi alleati: mantiene il senso degli affari.

E’ dal suo lato imprevedibile: “Rivelare i propri progetti è uno degli errori più stupidi che si possano commettere durante uno scontro militare. Ho letto moltissime opere storiche e non ricordo che il generale George Washington abbia prenotato camere d’albergo a Valley Forge, in Pennsylvania, o abbia inviato i suoi migliori auguri ai mercenari tedeschi di Trenton. L’elemento sorpresa è decisivo nella battaglia. Quindi non vado a raccontare a chi è sul lato opposto quello che sto per fare. Io non li lascio vedere e non voglio che loro vedano chiaramente in me. Non voglio che le persone sappiano esattamente cosa sto facendo o pensando. Mi piace essere imprevedibile”.

Trump non sarebbe pronto a fare la guerra per conquistare il mercato iraniano?

Non possiamo fare affidamento sulle dichiarazioni di Trump. D’altra parte, possiamo analizzare le condizioni materiali degli Stati Uniti. Questo paese è in crisi. La guerra è politica con altri mezzi. Non si fa la guerra per perdere, ma per conquistare nuovi mercati. Ma cosa potrebbero guadagnare gli Stati Uniti attaccando l’Iran? Ciò avrebbe conseguenze disastrose per Washington.

In sostanza, Chalmers Johnson disse: “Se vuoi svegliare un popolo addormentato, invadilo e fagli la guerra”. Nel condurre una guerra terribile, il Giappone ha svegliato i contadini cinesi che dormivano da centinaia di anni. Divennero nazionalisti e si unirono al Partito Comunista. Fu l’inaspettata conseguenza di una guerra imperialista. Allo stesso modo, in Siria, i media wahhabiti trasmettevano in occidente le dichiarazioni trionfali dei signori della guerra della NATO. Sostenevano che Bashar al-Assad avrebbe dovuto rispondere per i suoi crimini entro sei giorni. Dissero che la minoranza alawita occupava il potere e che sarebbe caduta come una palla di gelato dal suo cono. Non avevano mai studiato la composizione del popolo siriano e le sue possibili trasformazioni. La Siria degli anni ’40 e la Siria degli anni 2000 sono due pianeti totalmente diversi. La trasformazione siriana non è stata presa in considerazione dagli imperialisti. Pensavano che sarebbe stato sufficiente inviare mercenari perché il regime crollasse. Chi potrebbe crederlo? I francesi avevano interessi in Siria. Si sono lasciati andare in questo conflitto e hanno perso tutto.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento