Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

sabato 19 aprile 2014

Polizia di Stato: la bugia sugli stipendi e la voglia di limitare il diritto di manifestare

L'intervista rilasciata dal Prefetto di Roma a Repubblica è agghiacchiante. Lo è in termini costituzionali come potete leggere in fondo all'articolo ("Introduciamo norme che regolamentino il diritto costituzionale di manifestare. Lo abbiamo fatto per il diritto di sciopero, perché non possiamo farlo per quello di manifestare?").

Ma un altro dei miti da sfatare è quello degli stipendi da 1200 euro per i poveri agenti dei reparti mobili così come quello dei 5 euro orari di straordinario. E' una bugia ripetuta a pappagallo dai vertici della polizia e dai giornalisti conniventi.

Come si può vedere da questi link


un poliziotto in prova, cioè entrato da poco in polizia, guadagna già 1355 euro netti al mese a cui poi bisogna aggiungere tutte le indennità di servizio notturno, festivo, straordinari (che partono da 10,48 euro/h lorde per arrivare ai 27 euro/h dello straordinario notturno festivo) e soprattutto le indennità di ordine pubblico ben più alte.

In media lo stipendio per chi lavora in un reparto mobile arriva a 2000 euro. Di questi tempi non ci sembrano i lavoratori più sfruttati sul suolo italiano. Lo sanno anche loro visto che quotidianamente vanno a manganellare i lavoratori della logistica che 5 euro all'ora li prendono davvero.  

Redazione 18 aprile 2014

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento