Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

venerdì 10 agosto 2018

Estonia - Alla ricerca del missile perduto

Sputnik-Estonia se ne è uscita ieri l’altro con uno spassoso “Estoni, se trovate una bomba atomica USA, telefonate al 112”, il numero unico per le situazioni d’emergenza. Un numero che pare convenga tenere bene a mente, non solo a quelle latitudini, perché quanto accaduto in Estonia potrebbe verificarsi in ogni momento e in qualsiasi paese in cui forze NATO svolgano le proprie missioni di “air policing” per la “difesa aerea e missilistica integrata”.

Solo per un caso, dunque, è stato un caccia NATO dell’aviazione spagnola, un Eurofighter Typhoon 2000, alle 15:44 di martedì scorso, a lanciare “per sbaglio” un missile aria-aria AIM-120 AMRAAM, nella zona di Otepää, nell’Estonia meridionale. Avrebbe potuto benissimo trattarsi di uno dei tanti caccia-bombardieri USA F-35 Lightning, con bombe nucleari a bordo, che pure sfrecciano nei cieli baltici, insieme ai caccia di vari paesi dell’Alleanza atlantica – Italia compresa – che partecipano da anni a missioni di pattugliamento contro il “pericolo di aggressione russa”. Avrebbe potuto trattarsi non dell’Estonia; il missile avrebbe potuto esser lanciato “per sbaglio” nei cieli a nord della Sicilia, ad esempio, mentre transitava un qualsiasi velivolo civile... Il numero 112 avrebbe potuto fare ben poco.

Ieri, il portavoce della maggiore compagnia baltica, la lettone AirBaltic, ha reso noto che un proprio aereo di linea stava percorrendo lo spazio aereo estone al momento del lancio del missile e pare che solo per caso quest’ultimo volasse in direzione opposta a quella del velivolo passeggeri. AirBaltic ha anche fatto sapere di esser stata informata delle manovre aeree solo a incidente avvenuto.

Il comandante delle forze aeree estoni Riivo Valge ha confermato che il missile, il cui raggio d’azione è di 100 km, potrebbe esser finito nella parte russa del lago Peipus – per la storia: quello in cui la fanteria del principe Aleksandr Nevskij sconfisse i cavalieri teutonici, nella storica battaglia del 1242 immortalata da Sergej Eisenstein –. Secondo altre fonti, la versione USA del missile AIM-120 AMRAAM può raggiungere i 180 km; ma potrebbe benissimo aver preso una traiettoria opposta ed essersi schiantato, sempre secondo il colonnello Valge, nei boschi del parco nazionale di Lahemaa, nel nord dell’Estonia.

Non è stata nemmeno esclusa la possibilità che non si sia attivato il sistema di autodistruzione in aria, anche se alcuni abitanti di Tartu testimoniano di aver udito un’esplosione più o meno alle 15:44. In ogni caso, non è dato sapere se i resti o il missile intero siano stati ancora ritrovati e, per ogni evenienza, a Tallin dicono di chiamare il 112: l’ordigno conteneva pur sempre una ventina di kg di esplosivo.

Si può solo immaginare quale sarebbe stata la reazione dei media liberal – che in questo caso si sono limitati ad asettici trafiletti, senza minimamente accennare alla eventualità che al momento e nell’area dell’incidente potesse transitare un areo di linea – se, invece di un caccia NATO, per definizione “in missione di pace”, si fosse trattato di un Su-25, un MiG-35 o un T-50, velivoli “aggressivi” per antonomasia.

L’esperto militare russo Aleksandr Žilin ha dichiarato a Sputnik-Lituania che “l’incidente era ineluttabile, per tutta una serie di ragioni, la principale delle quali è che, per i membri più forti dell’Alleanza atlantica, i paesi dell’Europa orientale costituiscono una specie di poligono, in cui possono permettersi qualsiasi trascuratezza. Sono sicuro” ha aggiunto, “che nessun pilota, di nessun paese, si permetterebbe di comportarsi in questo modo, ad esempio nello spazio aereo tedesco, francese o italiano, mentre possono farlo in Estonia, in Romania o in Polonia”.

Ci permettiamo di ricordare che, purtroppo, la funivia del Cermis transita in Italia e per i 20 uccisi dal “bravo” pilota USA non sembra che nessuno abbia mai pagato.

Non rimane che ricordare come, da gennaio al maggio scorsi, alla base estone di Ämari, siano rimasti di stanza anche quattro Eurofighter italiani della Task Force Air 36° Stormo che, secondo il sito dell’Aeronautica italiana, erano schierati in stato di “Quick Reaction Alert” (QRA), ossia pronti a decollo immediato dietro ordine del Combined Air Operation Center (CAOC) di Uedem, in Germania (comando tedesco-belga), nell’ambito della missione NATO di Enhanced Air Policing “Baltic Eagle”.

Ora, a parte gli altisonanti nomi anglosassoni dati a queste missioni, che dovrebbero esaltare l’attinenza italiana alle linee dell’Alleanza atlantica e l’italico contributo alla “difesa aerea estone”, per “assicurare l’integrità e la sicurezza dello spazio aereo della NATO”, il dato di fondo è che anche l'aeronautica italiana viene a trovarsi spesso – la missione in Estonia non è che una delle tante, in altre aree dell’Europa orientale – in circostanze che, anche solo fortuitamente, rischiano di degenerare e coinvolgere il paese in situazioni di conflitto, in seguito a decisioni assunte a livelli extranazionali. E non tutti i missili finiscono nei laghi.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento