Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

martedì 25 novembre 2014

L'industria italiana distrugge l'Italia

La canzone che arriva da tutti i palazzi del potere è monotona: "date alle imprese la possibilità di fare quel che vogliono, senza controlli o contrattazione, e tutto si svilupperà velocemente".

Il governino Renzi risponde col jobs act, e anche molte altre schifezze meno propagandate, per dare agli imprenditori italiani la massima libertà: di licenziare i "rompicoglioni", di costruire e installare macchinari perfetti "fino a prova contraria" (e anche dopo, come spiega la sentenza Eternit).

Tutto liscio? Sì, ma c'è sempre un rumore che rovina il coro dei servi... La cosa divertente - si fa veramente per dire - è che il rumore stonato viene dalla stessa Unione Europea, che stamattina ha illustrato le sue ricerche scientifiche, spiegando che l'inquinamento dell'aria e i gas serra prodotti dall'industria in Italia fra 2008 e 2012 sono costati alla società fra 26 e 61 miliardi di euro. Più delle "finanziarie" nel frattempo approvate dai governi Berlusconi e Monti.

A fare i conti in termini di impatto su salute e ambiente, che include morti premature, costi per la sanità, giorni lavorativi persi, problemi di salute, riduzione dei raccolti agricoli, è l'Agenzia europea dell'ambiente (Aea), secondo cui l'Ilva di Taranto è risultata nella top 30 degli impianti Ue più inquinanti.

A voler essere buoni - ci riesce difficile, con questa gente - si potrebbe dire che l'Unione Europea non sa quanto possano essere lazzaroni e menefreghisti gli imprenditori italiani per i quali chiede "maggiore libertà d'azione". Ma sappiamo benissimo che lo sanno benissimo...

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento