Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

domenica 20 agosto 2017

Pubblicare i documenti sui legami tra terroristi e Arabia Saudita? Theresa May dice no

Questo articolo appare in contemporanea su Contropiano e L’Antidiplomatico

I sopravvissuti hanno definito la risposta del Regno Unito “vergognosa”.

Come ha riportato il quotidiano britannico ‘The Independent’, la premier della Gran Bretagna, Theresa May ha respinto un appello dai sopravvissuti agli attacchi dell’11 settembre per rendere pubblica una relazione sul ruolo dell’Arabia Saudita nel finanziamento dell’estremismo islamista nel Regno Unito.

All’inizio di quest’estate, il governo britannico ha annunciato di aver deciso di non pubblicare le informazioni, citando i motivi di sicurezza nazionale e la “quantità enorme di informazioni personali” contenute.

Tra coloro che chiedono a May di rendere pubblica la relazione, commissionata dal suo predecessore David Cameron, un gruppo di sopravvissuti statunitensi degli attacchi dell’11 settembre e dei parenti di alcuni delle quasi 3.000 persone rimaste uccise.

“Il Regno Unito ha ora l’occasione storica unica per fermare l’uccisione, per fermare i terroristi ispirati dal Wahhabismo, pubblicando la relazione del governo britannico sul finanziamento del terrorismo nel Regno Unito, che secondo i rapporti mediatici colloca l’Arabia Saudita in un ruolo centrale di colpevolezza”, si legge in una lettera firmata da 15 persone.

Ma il governo britannico ha respinto la loro richiesta in una lettera che il gruppo ha definito “vergognosa”.

“Gli Stati Uniti e il Regno Unito continuano a proteggere l’Arabia Saudita, permettendogli di operare liberamente, impunemente, anche fornendogli armi letali per commettere genocidi e violazioni dei diritti umani “, ha affermato Sharon Premoli, che era all’ottavo piano della Torre Nord del World Trade Center quando colpì il primo aereo di Al-Qaeda.

Brett Eagleson, il cui figlio John è morto al 17o piano della Torre Sud, ha affermato che il governo britannico ha trattenuto informazioni potenzialmente fondamentali.

“Quando il governo britannico ha avuto l’opportunità di far luce sul finanziamento del terrorismo e ha avuto l’opportunità di fare progressi reali sulla lotta globale contro il terrorismo, ha scelto di non perdere i contatti con l’Arabia Saudita contro la sicurezza dei propri cittadini”, ha detto. “È una giornata vergognosa per la democrazia”.

Ellen Sarancini, vedova di un pilota del volo 175 della United Airlines che fu dirottato dopo aver decollato da Boston e schiantatosi nella torre Sud, ha dichiarato che la risposta del Regno Unito è stata l’ultima in una serie di rifiuti.

“Per 15 anni siamo stati bloccati dal nostro governo che, insieme al Regno Unito, continua a proteggere l’Arabia Saudita a scapito dei suoi cittadini”, ha affermato. “La relazione britannica ha il potenziale per porre fine al terrorismo perseguendo quelli che sono al centro del suo finanziamento, ma si rifiuta di farlo”, ha aggiunto.

Sebbene 15 dei 19 dirottatori che hanno attaccato New York e Washington fossero cittadini dell’Arabia Saudita, le autorità di Riyad hanno da tempo negato di aver avuto alcun ruolo ufficiale nell’attacco. Hanno anche respinto azioni legali per i risarcimenti.

All’inizio di quest’anno, una denuncia è stata presentata a New York per conto delle famiglie di 850 individui uccisi e 1.500 feriti, in cui si sostiene che il regno saudita ha appoggiato Al-Qaeda in quattro modi critici: sostenendo le organizzazioni governative legate al governo che hanno gestito i campi di addestramento, finanziando direttamente il gruppo terroristico di Osama Bin Laden, sostenendo i dirottatori fornendo loro passaporti e, infine, offrendo sostegno sul terreno ai dirottatori nei 18 mesi che portarono agli attacchi.

Un certo numero di storici hanno sottolineato che la Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno una lunga storia di promozione e utilizzo degli estremisti islamici per le loro diverse esigenze. Mark Curtis, storico e autore di ‘Secret Affairs’ ha affermato: “L’elite britannica è perfettamente consapevole del ruolo insidioso che l’Arabia Saudita svolge per favorire il terrorismo”.

La Gran Bretagna ha scelto quindi di non danneggiare i legami strategici con l’Arabia Saudita evitando la pubblicazione di informazioni che potevano rivelarsi scomode e imbarazzanti.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento