Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

lunedì 6 agosto 2018

Maduro non finirà come con Allende. Il fascismo Usa non passerà

Un attentato realizzato con droni usati come bombardieri è fallito contro il presidente Maduro.

Un gruppo di fascisti pare rivendichi l’azione, ma dietro di essi ci sono le forze interne ed internazionali che vogliono rovesciare il governo bolivariano e socialista del Venezuela. È un salto di qualità eversivo della cosiddetta opposizione, che dopo aver perso sia le battaglie di strada sia quelle elettorali ora tenta la via del terrorismo.

Via che prepara la guerra d’invasione, quella a cui sta lavorando l’amministrazione Trump usando la Colombia. Con il vergognoso appoggio della UE e dei suoi principali governi, che come sempre coprono con l’ipocrisia dei diritti democratici le più sporche operazioni contro la libertà e l’indipendenza dei popoli.

È chiaro che i fascisti venezuelani, le multinazionali del petrolio, i governi reazionari dell’America Latina, il governo USA, non accettano che il Venezuela voglia proseguire sulla via dell’indipendenza nazionale e del socialismo. Dopo il blocco economico, che continua ma che non ha sconfitto la rivoluzione bolivariana, dopo le guarimbas eversive, ora si passa alle bombe coi droni.

È una escalation che abbiamo già visto 45 anni fa, per opera delle stesse forze, contro il Cile socialista di Allende. Ovunque in America Latina le stesse forze reazionarie nazionali ed internazionali tentano la via golpista per fermare il progresso e la giustizia dei popoli, e il carcere senza reato per Lula in Brasile è il simbolo di questa violenta sovversione dei ricchi e delle multinazionali.

Ma il mondo è cambiato rispetto a quando Pinochet agli ordini di Nixon assassinò Allende e la democrazia. Il Venezuela, con la Bolivia, con il Nicaragua e naturalmente con Cuba, resiste e resisterà all’assalto imperialista che, nonostante la ferocia eversiva, non ha più la stessa forza degli anni '70 del secolo scorso. Anche dove i golpisti paiono aver vinto, come in Brasile, il loro successo appare sempre più precario.

No, non riusciranno a rovesciare il Venezuela socialista e a colpire Maduro come colpirono Allende. Non ce la faranno, non passeranno. Solidarietà a Maduro e alla rivoluzione bolivariana, stare con loro oggi è un valore ed un discrimine politico di fondo.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento