Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

lunedì 24 dicembre 2018

Libano - Il 25 dicembre il nuovo governo di unità nazionale

di Stefano Mauro

L’ottimismo sembra essere tornato a Beirut. Dopo oltre 7 mesi senza governo, il presidente della repubblica, il maronita Michel Aoun, ha espresso la sua soddisfazione per “i recenti sviluppi tra i diversi partiti politici libanesi” che porteranno, molto probabilmente, alla formazione di un governo di unità nazionale nei prossimi giorni.

Ringraziamenti soprattutto nei confronti del Direttore Generale della Sicurezza, Abbas Ibrahim, incaricato da Aoun di portare avanti i colloqui, ad oltranza, tra i due diversi schieramenti: l’”8 marzo” (Hezbollah, Amal, Partito Comunista Libanese, Corrente Patriottica Libanese di Aoun ed il partito sunnita “Blocco dell’Incontro”) e il “14 marzo” (i sunniti di Mustaqbal del primo ministro Hariri, i maroniti delle Forze Libanesi di Samir Geagea e delle Falangi ed i drusi di Jumblat).

Secondo la televisione libanese Al Mayadeen la formazione del prossimo governo dovrebbe arrivare, secondo fonti ministeriali, “durante le festività natalizie” grazie al superamento dell’impasse. Uno stallo legato al rifiuto del premier Hariri di lasciare un ministero ai sunniti “dissidenti” del “Blocco dell’Incontro”, dopo la loro vittoria con l’assegnazione di sei seggi in parlamento.

In quest’ultima settimana, infatti, il mediatore Ibrahim, è riuscito a trovare un accordo secondo il quale i rappresentanti sunniti indipendenti hanno accettato la possibilità di far nominare ministro “un rappresentante sunnita da una lista di nomi graditi” al Blocco dell’Incontro. “Se le cose procedono come concordato, il governo si formerà in pochi giorni” – ha affermato Abdel Rahim Mrad ex ministro e capo-gruppo del Blocco – “visto che ci sarà qualcuno che ci rappresenterà nel prossimo esecutivo”. Vittoria politica da parte di Hezbollah che rivendicava l’assegnazione di almeno un ministero ai rappresentanti indipendenti sunniti, presenti nella coalizione “8 marzo”, vincitrice delle ultime elezioni.

Il principale fattore che ha portato alla formazione del governo è sicuramente la grave crisi economica del paese. Senza un esecutivo in grado di attuare riforme per far ripartire la fragile economia libanese, infatti, Beirut rischierebbe il default a causa del proprio debito nazionale che raggiunge il 150% del PIL e dei danni causati dal vicino conflitto in Siria.

Molto probabilmente l’accelerazione nella formazione del governo è stata causata anche dal concreto rischio di un nuovo conflitto con Tel Aviv, dopo il lancio dell’operazione “Scudo difensivo settentrionale” e la scoperta di almeno quattro tunnel costruiti da Hezbollah verso il territorio israeliano.

L’effetto di una possibile nuova guerra ha portato quasi tutte le formazioni politiche libanesi ad un riavvicinamento, come spesso è avvenuto in passato nei periodi di crisi, per l’unità del paese. In quest’ottica vanno viste le dichiarazioni dello stesso premier Hariri che, riguardo alla scoperta dei tunnel, ha affermato: “Sentiamo in questi giorni parlare dei tunnel, ma non abbiamo mai sentito nessuno reclamare riguardo alle continue violazioni israeliane contro il nostro territorio o il nostro spazio aereo e marittimo (…) chiediamo di conseguenza che la Risoluzione 1701 venga applicata da entrambe le parti”.

Tensione palpabile lungo la linea di confine dove, nei giorni scorsi, i caschi blu dell’Unifil sono intervenuti per interrompere una controversia tra i militari libanesi che impedivano all’esercito di Tel Aviv di posizionare ulteriori protezioni di filo spinato in territorio libanese. Da parte sua, alle dichiarazioni ed all’allarmismo di Netanyahu, Hezbollah ha risposto con un video che indicava l’esatta posizione di tutti gli obiettivi sensibili in territorio israeliano, mettendo in mostra tutte le sue capacità tecnologiche con l’utilizzo di droni di ultima generazione. In una recente intervista lo stesso vice segretario del partito, Naim Qassem, ha ribadito che, in caso di aggressione, “tutto il territorio israeliano, compresa Tel Aviv, verrà attaccato dalla potenza balistica e dai missili di Hezbollah”.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento