Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 20 dicembre 2018

Stati Uniti - Nel 2018, aumentate spesa e presenza militare all’estero

«Make Ameirca great again», tuona, da due anni a questa parte, il fin-troppo-scimmiottato presidente degli Stati Uniti Donald Trump. E che questo non significhi un riflusso nella propria casa, senza più «giardini», deve ormai essere chiaro a chi vuole avere un quadro il più coerente possibile dell’odierno scacchiere internazionale.

Ma come? I livelli di risposta a questo interrogatorio, da sempre, sono due: il primo è quello economico, e per ulteriori informazioni, rivolgersi in prima istanza alla guerra iniziata contro la Cina, fatta di dazi, arresti e tanto altro, sintomo di un modello in difficoltà dinanzi all’avanzare del Nemico d’oriente numero uno.

Il secondo è quello militare, ambito in cui gli Stati Uniti godono ancora di un notevole vantaggio rispetto ai competitor internazionali, e di cui il nostro paese rappresenta un poco invidiabile esempio di sottomissione alle esigenze dell’alleato d’oltreoceano in termini di presenza strategica, sul territorio, di basi a stelle e strisce.

Dunque, non sorprende che il paese nordamericano, secondo quanto ci dice l’agenzia cubana Prensa Latina, nel secondo anno del suo mandato abbia aumentato la spesa e la presenza militare oltre i propri confini.

I nemici sono i “soliti noti”, dalla Cina al Venezuela, passando per la Corea del Nord e l’Afghanistan. Lo strumento anche, e cioè, la Nato, «organo insostituibile», secondo le parole del Segretario di Stato Mike Pompeo, per la riaffermazione della «sovranità americana» sul mondo intero.

E pensare che in Italia c’è ancora chi spreca tempo ed energie a puntare il dito contro chi rivendica la necessità di tornare alla sovranità – popolare, questa – entro i confini statali, primo passaggio obbligato per poter riaffermare quegli interessi di classe, da troppi anni sottomessi al volere del Capitale.

*****

Nel 2018, secondo anno di mandato del presidente Donald Trump, gli Stati Uniti hanno aumentato le loro spese militari, consolidato la presenza militare all’estero ed eseguito atti di forza e minaccia di uso del potere militare.

Per l’anno fiscale 2018, conclusosi il 30 settembre, il Dipartimento della Difesa aveva un budget di circa 700 miliardi di dollari, il che significava un aumento di circa il 15% rispetto al periodo precedente (2017) in cui sono stati assegnati poco più di 600 miliardi di dollari.

A metà giugno, il Senato ha approvato un’assegnazione di $716 miliardi al Pentagono per l’anno fiscale 2019.

Secondo il The Washington Post, questo è uno dei più grandi piani di spesa del suo genere nella storia americana moderna, e il più grande dagli anni Settanta, nonostante le preoccupazioni di alcuni membri del Congresso sul crescente deficit federale che entro il 2020 potrebbe superare i trilioni (milioni di milioni) di dollari.

PRESENZA BELLICA OLTREMARE

D’altro canto, nel 2018 le missioni militari statunitensi all’estero costarono ai contribuenti statunitensi un livello record di 45 miliardi di dollari.

In un recente rapporto al Congresso, il generale Joseph Dunford, presidente dei capi di stato maggiore del Pentagono, ha fatto una valutazione dello spiegamento militare degli Stati Uniti all’estero.

Dunford, il più alto ufficiale degli Stati Uniti, ha analizzato l’attuale situazione della Coalizione composta da 76 paesi e guidata da Washington per combattere lo Stato islamico (IS) in Medio Oriente.

Secondo i dati della pagina digitale del Dipartimento della Difesa, questo gruppo internazionale ha effettuato circa 25.000 attacchi aerei dal 2014, 13.400 contro obiettivi del gruppo terroristico in Iraq; a cui se ne aggiungono circa 11.300 in Siria senza il consenso delle autorità di Damasco.

In Europa, le unità nordamericane sono schierate in Lituania, Lettonia, Estonia e Polonia, e nel 2018 hanno partecipato a 13 grandi esercizi congiunti su larga scala, oltre ad altre attività di formazione: azioni che Mosca percepisce come una minaccia alla sicurezza nazionale.

I gruppi della NATO hanno sviluppato tra ottobre e novembre le manovre combinate e congiunte dette “Trident Juncture 18”, che secondo le pubblicazioni specializzate sono quelle più estese e di maggiore portata dalla fine della Guerra Fredda, questa volta a causa delle crescenti tensioni tra Russia e Ucraina.

Circa 50.000 tra militari e personale di supporto di 31 paesi membri della NATO e nazioni amiche, 250 aerei, 65 navi da combattimento e circa 10.000 veicoli da guerra hanno partecipato a questi corsi di formazione.

Inoltre, in terra africana, con il pretesto della lotta al terrorismo, il Pentagono mantiene, sotto il comando di Africa Command, più di 7.200 militari in missioni di consulenza nella lotta contro le organizzazioni estremiste come Al Qaeda, Boko Haram e alcuni elementi dell’EI.

A metà dicembre, il consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca, John Bolton, ha svelato la nuova strategia dell’amministrazione Trump in quel continente, che mira a «contrastare la crescente espansione finanziaria e l’influenza politica» di Cina e Russia e allo stesso tempo combattere il «terrorismo islamico radicale».

In un discorso alla Heritage Foundation, think tank conservatore con sede a Washington DC, Bolton ha detto che gli Stati Uniti ridurranno del 10% i 7.200 soldati dispiegati in Africa, e ha invitato le nazioni del continente per assumere il ruolo di auto-difesa.

Inoltre, Bolton ha annunciato l’idea di trasferire la guida del Comando Africano nel continente stesso, il quale ha sede in Germania fin dalla sua fondazione nel 2007.

NELLA PENISOLA COREANA.

Il vertice tra Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un, il 12 giugno di quest’anno a Singapore, è stato il primo passo per allentare le tensioni tra le due nazioni, in particolare sul rinvio di alcuni dei principali esercizi di guerra nella regione, mentre altri sono stati eseguiti con un profilo più basso.
I due leader hanno firmato una dichiarazione congiunta relativa alle garanzie di sicurezza per la Corea del Nord, la creazione di relazioni pacifiche, la denuclearizzazione della penisola coreana e il recupero dei resti dei soldati americani uccisi durante la Guerra di Corea (1950-1953).

Nonostante la relativa distensione tra Washington e Pyongyang, il pericolo di un’inversione in tale processo persiste e quindi un ritorno alle attività d'aggressione promosse dal presidente Donald Trump.

Di fronte alle continue minacce e ai tentativi di distorsione della Corea del Nord, le autorità di Pyongyang hanno avvertito che non tollereranno alcun tipo di ricatto negli accordi mirati alla denuclearizzazione della penisola coreana.

LA GUERRA IN AFGHANISTAN

Fino ad oggi, il costo totale dell’intervento militare degli Stati Uniti in Afghanistan, dall’ottobre del 2001, supera il trilione di dollari, in una guerra in cui ha ucciso più di 2.350 militari degli Stati Uniti, mentre 20.100 sono stati i feriti.

Al momento ci sono 14.000 soldati e ufficiali statunitensi schierati in territorio afgano, come parte delle operazioni militari di 40 paesi della NATO e di altre nazioni socie di Washington nella nazione asiatica.

La missione principale di queste unità nordamericane è quella di addestrare, consigliare e assistere più di 300.000 membri delle forze di sicurezza afgane.

Il 4 dicembre, il funzionario nominato per essere il prossimo capo del Comando Centrale delle Forze Armate degli Stati Uniti, generale Kenneth McKenzie, ha riconosciuto al Congresso che non ha idea di quando le truppe americane si ritireranno dal suolo afgano.

Nonostante tutte le spese e lo sforzo di guerra di Washington e dei suoi alleati, i talebani sono ancora lontani dall’essere sconfitti, anzi guadagnano sempre più terreno – ora occupano il 60% del territorio e sono diventati un avversario più tenace di quanto lo erano nel 2001.

IN AMERICA LATINA E CARAIBI

Documenti ufficiali del Comando Sur – entità del Pentagono incaricato delle attività militari nell’area – sottolineano che i leader militari statunitensi lavorano con i loro alleati per affrontare «bande criminali internazionali, persone e trafficanti di droga e la crisi dei rifugiati in Venezuela».

Dopo un recente viaggio in Colombia, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, generale David Goldfein, ha detto che l’amministrazione Trump intende rafforzare le partnership con i paesi latinoamericani, come parte degli sforzi per contrastare «la crescente influenza della Cina e della Russia nel cortile degli Stati Uniti».

La presenza di questo generale a Bogotà è in linea con la visita fatta lo scorso agosto dal Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, James Mattis.

In questo contesto, l’ascesa al potere in Brasile di Jair Bolsonaro nel 2019, e l’esistenza di altri governi di destra in Argentina, Cile e Colombia, impongono uno scenario favorevole per lo sviluppo della presenza militare e delle azioni destabilizzanti di Washington nella regione.

Gli esperti dicono che è molto probabile che il Pentagono aumenterà le attività di formazione con le forze armate dell’America Latina e dei Caraibi, soprattutto in considerazione del contesto di azioni contro il traffico di droga e la criminalità organizzata.

Tuttavia, gli esperti dicono che il vero motivo è quello di migliorare l’interoperabilità con le loro controparti latino-americani, così come la conoscenza del teatro delle operazioni, al fine di creare le condizioni per intervenire in alcuni dei paesi con un governo “ostile” a Washington.

Con il pretesto della presunta minaccia del Venezuela per la stabilità della regione, e l'avversione al governo del presidente Nicolas Maduro, gli Stati Uniti si apprestano a sviluppare nuovi piani di aggressione nella regione.

Secondo gli esperti, queste attività, con sfumature diverse, sarebbero finalizzate a continui sforzi di destabilizzazione di Cuba, Nicaragua, Bolivia e altri governi che non seguono le linee guida di linee di Washington, con una combinazione di azioni di guerra non convenzionale e pressioni militari e diplomatiche di tutti i tipi.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento