Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

domenica 23 dicembre 2018

Approvato il progetto di legge sui Gilets Jaunes. Mélenchon: “L’inizio della disintegrazione”

Come possono pensare che sarà sufficiente? La Macronie è nelle nebbie incerte che evocano la fine del regno! Quattro misure e un dibattito nazionale per frenare il movimento dei “giubbotti gialli”?

Il dibattito nazionale è già contaminato in tutti i modi se si deve credere al sospetto della persona che presiede questo corpo, ovvero Chantal Jouanno. Inoltre, i marcheurs [i deputati del partito di Emmanuel Macron, “La République En Marche”, ndt] non vogliono che questi incontri si “trasformino in un confronto”. In altre parole, che si parli di politica. Parlare dell’ecologia, della democrazia e degli stipendi... senza parlare di politica... Incredibile. Inoltre, secondo il portavoce del governo, è vietato rivedere i programmi presidenziali o i risultati dei 18 mesi di potere e le questioni che solleva.

In più, il ricordo del “grande dibattito” sull’Europa è ancora lì per sapere cosa aspettarsi. Un fiasco totale, confidenziale, autocompiaciuto, costoso e inefficace. Questa volta, è probabile che sia più caldo. Ma questa scoperta deve ancora essere fatta. L’unico vantaggio che ne deriverà sarà il rinvio del progetto di riforma costituzionale, già bloccato una volta dagli alti e bassi della vicenda Benalla.

Per quanto riguarda le quattro misure macroniste adottate in 48 ore, la discussione parlamentare avrà disintegrato in un attimo tutte le loro apparenze. La più grottesca sarà il famoso aumento dello Smic [Salaire minimum interprofessionnel de croissance, ndt] di 100 euro. Non è lo Smic. Non sono 100 euro. E così via e così via.

Non mi soffermo sul punto perché questo blog contiene un post specifico sull’argomento. Non mi fermo qui, perché il fallimento del progetto è già definito. I giubbotti gialli non si sentono soddisfatti. Il movimento alle rotatorie continua. Scosso alle fondamenta, il potere si è fatto prendere dal panico. I suoi mezzi di comunicazione non riescono più a mettergli in testa la polizia. Il JDD e Le Parisien, le due gazzette del movimento macronista, tergiversano miseramente, senza alcun effetto su una popolazione che dovrebbe essere il suo principale lettore.

L’ordine si basa ora solo sulle forze materiali che lo mantengono, con un uso sempre più sproporzionato, su richiesta del potere politico. Il suo staff ha minacciato la ribellione, a sua volta. Hanno quindi ricevuto, in una notte, più che in dieci anni di richieste sindacali. 300 euro di bonus e fino a 120 euro di aumento all’inizio della carriera. È lo stipendio della paura, lo stipendio del potere di fronte alla situazione. E anche questa... è una causa persa.

Le “forze di polizia” organizzano immediatamente la propria parte del disordine. Perché questa sera, dopo un giorno di trattative miracolose, i CRS hanno dovuto caricare i loro colleghi di polizia, arrabbiati, che cercavano di salire sugli Champs-Élysées e che erano andati a manifestare davanti al Ministero dell’Interno. In questo modo, la falla è aperta nel cuore della linea di difesa definitiva del sistema.

L’inclinazione degli eventi politici rimane dalla parte della disintegrazione del potere. Questo episodio segna una soglia in questo campo. I responsabili del contenimento del movimento e della repressione delle manifestazioni non vogliono più farlo volentieri. Ma nessuna parola, nessuna misura, produce il riflusso del movimento.

Allora, quale prospettiva è in vista? Il caos infinito? Blocco spasmodico permanente? Infatti, il governo non può più credere che il deterioramento stia avendo un effetto. Soprattutto perché gennaio è già pieno di nuove tensioni.

L’applicazione della ritenuta alla fonte ridurrà lo stipendio netto versato. È improbabile che nell’ambiente dei “giubbotti gialli” questa misura passi senza alcuna reazione. Ancora una volta, le tasse saranno al centro di sconvolgimenti sociali. Che argomento!

Riporta nel dibattito le ragioni più profonde dell’organizzazione e della legittimità delle autorità pubbliche. E quando questo dibattito è un’azione sul terreno reale, il mondo può cambiare.

* Traduzione a cura di Andrea Mencarelli (Potere al Popolo) dell’editoriale di Jean-Luc Mélenchon, leader de La France Insoumise, a seguito dell’approvazione del disegno di legge “Gilets Jaunes” da parte dell’Assemblée Nationale nella notte tra giovedì 20 e venerdì 21 dicembre.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento