Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

mercoledì 5 luglio 2017

Lo sapevamo già...


La notte del 20 giugno 2017 si è conclusa la vicenda giudiziaria della strage di Piazza della Loggia a Brescia. È stata l’ultima tappa dell’ultima inchiesta sulla strategia della tensione e sulla stagione delle stragi fasciste: termina simbolicamente un percorso costellato da assoluzioni, non ultima quella del 2014, depistaggi, rovesciamenti delle conclusioni, indagini errate e volutamente errate.

Ora la Cassazione ha confermato la sentenza con la quale il 22 luglio 2015 la Corte d’Assise di Appello di Milano ha condannato all’ergastolo Carlo Maria Maggi, il capo di Ordine nuovo nel Triveneto e Maurizio Tramonte, neofascista e uomo del Sid. La vicenda si è conclusa anche con una nota che oscilla tra i toni della commedia all’italiana e la spy story: la fuga di Tramonte in Portogallo giustificata, attraverso una nota data alla stampa, da un percorso spirituale coronato dal pellegrinaggio a Fatima.

In verità rimangono aperti ancora stralci importanti, sempre sul fronte degli esecutori e non dei mandanti, con l’inchiesta nei confronti del neofascista Marco Toffaloni e di un alto dirigente di Ordine nuovo che, nei prossimi mesi animeranno nuovamente la cronaca giudiziaria.

La sentenza sancisce la responsabilità penale di Tramonte e Maggi: certezza della partecipazione alla riunione preparatoria ad Abano Terme il 25 maggio 1974 in cui Maggi asserì la necessità di proseguire la strategia stragista iniziata con Piazza Fontana. I riscontri dei detenuti che avevano raccolto le confidenze di Tramonte e la controversa fotografia che lo ritraeva in piazza sono corposi elementi che si sommano ad altri ancor più rilevanti, già emersi nei processi precedenti. I servizi segreti furono informati dalla fonte “Tritone”, Maurizio Tramonte, ma non intervennero. Le coperture del Sid e il fatto di non aver operato per impedire la strage sono elementi che non vengono presi in considerazione da questa sentenza che lascia in ombra gli apparati dello stato e le coperture messe in atto. A fronte del «verminaio» (come lo definì Valerio Marchi) che generò e alimentò la pagina più buia della storia repubblicana, due ergastoli non rendono la complessità delle responsabilità politiche, internazionali e dei poteri economici, sebbene a confronto con l’esito dei processi precedenti si possono ravvisare elementi positivi, di conferma di quanto già emerso in sede di ricerca storica.

Parallelamente alla pluralità di memorie che in questi quarantatré anni si sono confrontate, dialetticamente e conflittualmente, emerge in questi giorni, a ridosso della sentenza, anche una gamma di valutazioni e interpretazioni che rispecchiano questa complessità. Convivono sulla stampa e sul web dichiarazioni di soddisfazione e esultanza da parte dei familiari, degli avvocati di parte civile, di Cgil Cisl e Uil e delle istituzioni della città e, invece, reazioni di disillusione e insoddisfazione da parte dei movimenti e una parte della cittadinanza per una sentenza vista come parziale ed estremamente tardiva. Il regista Silvano Agosti ha parlato addirittura di una conclusione offensiva verso le vittime, della necessità di svelare le responsabilità reali e politiche e dello stupore nel vedere tanta soddisfazione (leggi).

Vergognoso invece il tentativo, peraltro già in corso da anni, della ancor viva destra neofascista di riscrivere, nonostante verità ormai inappellabili, la matrice della strage: Cesare Ferri, per anni uno dei principali imputati della strage, scagionato e risarcito, tenta, in un’intervista – a sole ventiquattro ore dalla sentenza – di macchiare la memoria delle vittime e addossare la responsabilità addirittura a Euplo Natali, l’operaio in pensione morto in piazza.

Il terreno della ricerca storica e dell’onesta ricostruzione può sanare, almeno in parte, questa finta prova di democrazia e arginare i tentativi di strumentalizzazione e uso politico di una pagina della storia italiana, scritta ancora al presente.

Silvia Boffellida Zapruder Storie in movimento

Foto dell’Archivio storico “Bigio Savoldi e Livia Bottardi Milani”, fondo Piazza Loggia, B12.1

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento