Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 18 gennaio 2018

Yemen - I sauditi tra bombe e finanza

Con due miliardi di dollari re Salman ha salvato il Rial yemenita dal collasso causato proprio dai raid aerei della Coalizione a guida saudita. Allo stesso tempo i suoi aerei continuano a lanciare bombe sullo Yemen facendo strage di civili. Sale  così a tre miliardi di dollari l’importo totale in valuta fornito sino ad oggi da Riyadh alla Banca centrale di Aden, alternativa a quella della capitale Sanaa controllata dai ribelli sciiti Houthi.  “Il Regno dell’Arabia Saudita – ha scritto in un comunicato il governo di Riyadh – riafferma il suo sostegno all’esecutivo yemenita. Il Regno continuerà ad assistere lo Yemen nei suoi sforzi per riportare la sicurezza e la stabilità”.
 
Tanta generosità nasconde un’amara realtà. Un totale di 9.245 persone sono state uccise in Yemen da quando la Coalizione saudita è intervenuta nel 2015, secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. Più di 50.000 sono stati feriti e milioni sono sfollati dalle loro case. In questo scenario di guerra e morte, il valore del Rial yemenita è sceso del 50%. Di conseguenza i prezzi del cibo e di altri generi di prima necessità sono andati alle stelle mentre centinaia di migliaia di dipendenti dello Stato sono alla fame perché non vengono pagati da circa un anno.

Qualche giorno fa 17 organizzazioni umanitarie internazionali* operanti in territorio yemenita hanno chiesto la riapertura completa e incondizionata del porto di Hudaydah – bloccato dalla Marina militare saudita – per consentire l’ingresso ininterrotto di cibo e carburante nel Paese.

Lo scorso novembre, in seguito al lancio di un missile verso Riyadh da parte dei ribelli yemeniti, l’Arabia Saudita ha imposto il blocco di tutti i punti di ingresso in Yemen. La recente concessione per un periodo di trenta giorni della distribuzione di beni commerciali ha solo attutito brevemente gli effetti del blocco. Inoltre le incertezze per le compagnie di navigazione, per gli importatori e per i venditori riguardo a cosa accadrà in futuro contribuisce ad aumentare l’inflazione che rende inaccessibili l'acquisto di cibo e acqua pulita per la maggior parte della popolazione. Nel Paese, inoltre, sono stati individuati oltre un milione di sospetti casi di colera e centinaia di persone sono affette dalla difterite.

Le Nazioni Unite da parte loro denunciano che oltre 8 milioni di yemeniti sono a rischio di carestia, contro i 6,8 milioni del 2017. Un totale di 22,2 milioni di persone, pari al 76% della popolazione dello Yemen di 29 milioni, dipende da una qualche forma di assistenza, con un aumento di 1,5 milioni di persone negli ultimi sei mesi.

*ACTED, Action Against Hunger, CARE International, Danish Refugee Council, Global Communities, International Rescue Committee, INTERSOS, Medecins du Monde, Mercy Corps, Norwegian Refugee Council, Oxfam, Relief International, Save the Children, Search for Common Ground, Vision Hope International, War Child UK e ZOA

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento