Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

domenica 21 gennaio 2018

Festivo, Fornero e Jobs Act: storica sentenza a favore dei lavoratori del commercio

USB, il giudice ha sentenziato quello che i politici ci nascondono.

C’è chi dice che la legge Fornero e il Jobs Act sono le leggi che ci proiettano nel mondo del lavoro del futuro, ma i giudici non la pensano così. E la sentenza numero 25/2018 del tribunale di Firenze, del giudice Tommaso M.Gualano, che condanna Unicoop Firenze a risarcire i dipendenti delle festività del 4 novembre mai retribuite per gli anni che vanno dal 2007 al 2012 compresi, è lì a dimostrarlo senza ombra di dubbio. Siamo arretrati agli anni sessanta.

“Questa sentenza, oltre al merito, segna un punto importante sui termini della prescrizione nelle cause da lavoro. Una sentenza pionieristica: il tribunale ha accolto la tesi dei nostri legali (Conte/Martini /Ranfagni), secondo la quale i crediti di lavoro non si prescrivono più durante il rapporto di lavoro, in quanto l’abbattimento delle tutele sopraggiunto negli ultimi anni con la legge Fornero prima e il Jobs Act poi, rendono il lavoratore psicologicamente timoroso nel fare causa”, dichiara Francesco Iacovone, dell’USB Lavoro Privato.

“La sentenza segna uno spartiacque – prosegue il rappresentante USB – dallo Statuto dei Lavoratori in avanti, i crediti dei lavoratori delle aziende con più di 15 dipendenti si prescrivevano nei 5 anni che decorrevano nel corso del rapporto di lavoro. Questo grazie alla tutela dell’articolo 18 che rendeva il lavoratore più forte davanti all’azienda, tanto da poter intentare una causa in costanza del rapporto di lavoro”.

“In questa causa di lavoro il giudice ha sentenziato quello che i politici ci nascondono. La precarietà e l’indebolimento dell’articolo 18, che si sono affermati prepotentemente con la legge Fornero e il Jobs Act, tolgono ai lavoratori il coraggio di fare causa durante il rapporto di lavoro. E allora via la prescrizione, si ritorna al passato.”, conclude Iacovone.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento