Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

domenica 28 luglio 2019

Minculpop 2.0 - Il giornalismo secondo il Viminale

Torniamo sulla vicenda dell’uso politico di un omicidio – il carabiniere Mario Cerciello Rega – cercando di contenere lo schifo che la vicenda ci suscita.

Oggi tutti i media provano a “correggere il tiro”, a seconda dell’interesse immediato del capetto politico e imprenditoriale di riferimento. I giornalacci fascisti lo fanno a modo loro, più schifoso della media. Volete una breve lista di titoli? Eccovela:

“Carabiniere ucciso, ecco cosa non torna. Il giallo della chat”, Il Giornale, che “sobriamente” fa un titolo a tutta pagina – “Tutti i trucchi delle Ong” – per NON parlare della nave militare italiana bloccata a largo del porto di Catania dal solito ukaze di Salvini;

“Perché il carabiniere non ha sparato”; catenaccio: “I militari erano armati ma le leggi tutelano i delinquenti più di loro”, il che supera anche la fantasia più macabra, dopo ben due “decreti sicurezza” in pochi mesi che consentono alle guardie, in pratica, di ammazzare chi vogliono.

I giornali “seri”, invece, provano a giocare fuori tempo massimo il ruolo che avrebbero dovuto coprire fin dal primo minuto: cosa non quadra nella storia. “Un morto, troppe ombre” titola Repubblica, forse consapevole di aver fatto nell’immediato un altro immenso regalo a Salvini. Sulla stessa falsariga La Stampa, il Corriere, ecc.

Il presidente della Federazione della stampa, Beppe Giulietti, ex parlamentare democratico, si straccia le vesti a nome di tutta la categoria: «La caccia all’immigrato di venerdì sera non può essere archiviata senza una discussione autocritica anche al nostro interno».

Ma la situazione appare ormai irrecuperabile, anche ai suoi occhi, perché “venerdì da alcuni siti, attribuiti anche a persone delle forze dell’ordine, parte la notizia che l’omicidio è stato compiuta da «immigrati nordafricani». Da questo, a prescindere da qualsiasi verifica, in rete si scatena un meccanismo da ku klux klan. Si somma una serie di nodi. Il primo è lo spirito dei tempi: giornali, nelle testate online, giornalisti e singoli cittadini, partono. Il vicepremier Salvini parla di ‘bastardi’ da ‘buttare in galera’, ‘ai lavori forzati’”.

Un sistema informativo, insomma, fuori controllo, quanto a professionalità (zero). Anzi: sotto il pieno controllo di chi gestisce l’origine di ogni informazione di “cronaca nera”: le forze di polizia (carabinieri e finanzieri compresi). Quindi, di questi tempi, al servizio di Salvini, che li ha contraccambiate con “decreti” che garantiscono piena discrezionalità operativa e assoluta impunibilità.

Senza che nessun giornalista di grido sollevasse almeno un sopracciglio...

Di cose che non tornano, comunque, in questa vicenda ce ne sono molte. Si era parlato di una signora scippata (ne avevamo parlato inizialmente anche noi, non disponendo di fonti alternative) ed invece si tratta di un pusher che aveva tirato una “sòla” ai due ragazzini americani, dandogli aspirina tritata invece che cocaina.

Da qui la sequela di “stranezze”. Lo spacciatore è anche un informatore delle “forze dell’ordine”, come tutti i suoi “colleghi”, che altrimenti non riuscirebbero ad esercitare il loro infame mestiere (vi pare logico che gli spacciatori siano quotidianamente rintracciabili dai tossici e mai dalle guardie?).

I due carabinieri in borghese si presentano all’appuntamento fissato dagli “scippatori” col pusher, altre macchine dell’Arma sarebbero state in zona (a pochi metri dal luogo del delitto – in via Pietro Cossa – c’è il Comando della stazione Prati e San Pietro). Il contesto descritto è quello classico di una trappola. Che però non scatta.

I due carabinieri sono armati, vengono presi di sorpresa e non sparano. I loro colleghi non si muovono in tempo per fermare i due ragazzi yankee, peraltro due “assassini per caso”, non certo dei professionisti del crimine. Che fuggono... rientrando nell’albergo, anch’esso a pochi metri dal teatro del delitto.

Il resto è ancora più stupefacente. I due carabinieri colpiti dalle coltellate vengono soccorsi, quello ferito solo lievemente descrive gli aggressori, ne comunica anche la probabile nazionalità (americani o inglesi, certamente bianchi)... ma esce fuori la “voce” che si tratterebbe invece di “nordafricani”.

Uno dei pochi giornalisti che si è mosso professionalmente già nelle prime ore, Simone Fontana di Wired, ricostruisce con precisione l’origine del depistaggio; “La falsa notizia della cattura di quattro nordafricani in relazione all’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega è stata pubblicata da un collega della vittima e diffusa da un agente della Guardia di Finanza, che ha esposto le foto dei presunti colpevoli sulla sua pagina Facebook da oltre 6mila follower, incitando i suoi seguaci al linciaggio”.

Tutto alla luce del sole, senza alcuna maschera. Ma nessun “professionista” sembra accorgersene, presi come sono dal rincorrersi a vicenda nello sparare la stessa falsa notizia, senza neanche chiedersi se sia vera o provare a fare la classica “verifica”. “La pagina Facebook Puntato, L’App degli Operatori di Polizia annuncia la cattura di quattro nordafricani, ‘tre cittadini di origini marocchine e uno di origini algerine’, con tanto di foto segnaletiche e occhi coperti per tutelarne la privacy. Si tratta naturalmente di una bufala, che resta online per un lasso limitato di tempo, ma tanto basta a scatenare il web.”

Perché nessuno si fa domande? “La pagina di Puntato è ritenuta una fonte piuttosto affidabile, non solo perché è l’account ufficiale di una app privata ma agganciata al sito della Polizia e dunque utilizzata dalle forze dell’ordine per, citando il sito web ufficiale dell’azienda, ‘fare controlli speditivi del veicolo e redigere verbali’, ma soprattutto perché è amministrata da due carabinieri attualmente in servizio.”

È il punto centrale. I carabinieri sono quelli che certamente sanno chi debbono cercare, perché il loro collega leggermente ferito ha descritto gli aggressori (due bianchi, non quattro magrebini). Eppure è un loro megafono mediatico considerato “affidabile” a metter in giro la “pista nordafricana”. Sono loro, o agenti di polizia, incredibilmente, a dimostrare zero rispetto per il loro collega ucciso, usandolo come uno straccio da agitare per una caccia all’uomo razzista.

Non ci interessa la dietrologia e quindi non ci mettiamo a fantasticare sui “perché?”. Sappiamo per esperienza e conoscenza che numerosi “tutori dell’ordine” sono di formazione politica apertamente fascista – non si contano più le segnalazioni di uffici delle “forze dell’ordine” in cui campeggiano foto o busti del Duce o bandiere nazifasciste – e abbiamo visto anche noi, su molte pagine Fb, guardie esaltate dall’arrivo di Matteo Salvini (“uno di noi”) al Viminale. Senza che nessun superiore prendesse mai “provvedimenti amministrativi” (accade solo per qualche insegnante, pare).

Ma noi siamo comunisti pieni di pregiudizi... I “professionisti dell’informazione”, invece, avrebbero dovuto farsela, qualche domanda, almeno dopo che sono passate più di 48 ore da quando la bufala è stata sputtanata. E invece no.

Ecco. Quello che a noi pare davvero pericoloso è il “meccanismo di trasmissione delle informazioni” che questa vicenda rivela.

Nelle faccende di cronaca nera c’è una sola fonte di informazione: le varie polizie.

I cronisti della “nera” sono vincolati a questa unica fonte in molti modi, a partire dal fatto che se non riportano esattamente quel che riportano le veline di questura (o le “indiscrezioni di siti affidabili gestiti da guardie”) non avranno in futuro accesso ad altre informazioni in tempo utile (i media mainstream si fanno concorrenza sulla velocità, non sui contenuti).

Peggio ancora. La quotidiana frequentazione di questa unica “fonte” crea una sorta di “economia circolare” per cui alcuni giornalisti si prestano a loro volta a fare da “informatori” per le “forze dell’ordine”.

Altro che “verifica della notizia” come presupposto minimo della “professionalità” di cui parla Giulietti!

Viviamo in un regime di monopolio dell’informazione su quasi tutti i temi rilevanti (provate ad indicare qualcuno che dice una cosa dissonante in politica estera...). E, per quanto riguarda i casi di “nera”, l’imprinting politico è dato dal ministro dell’interno. Che ha così resuscitato un Minculpop 2.0. In cui non è necessario sottoporre a censura gli articoli dei giornalisti. Basta dettarglieli.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento