Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

mercoledì 24 ottobre 2018

Francia. Di fronte agli attacchi, gli e le insoumis rispondono sul campo

Nonostante l’accanimento mediatico e le affabulazioni di ogni tipo sul futuro del movimento, la verità sul campo ha dato un verdetto completamente diverso questo fine settimana. Ci sono stati 172 punti di registrazione nelle liste elettorali che sono stati organizzati in tutto il paese! Per fare questo, centinaia di insoumises e insoumis si sono mobilitati nell’ambito di questa iniziativa nazionale: “#EnMaiJeVote” (a maggio, io voto).

Punti fissi e porta a porta, quasi ovunque, per incoraggiare le persone a riconquistare la propria voce politica e cittadina, ma anche per confrontarsi e discutere, come sempre accade tra gli insoumis.es. Come su Internet, dove nei giorni scorsi è scoppiata un’impressionante ondata di sostegno, il feedback positivo di questo fine settimana e l’incoraggiamento sul campo hanno permesso di sentire dietro al movimento un reale sostegno da parte degli attivisti, più mobilitati che mai, ma anche dei molti cittadini la cui frustrazione per la macronie non ha fatto che aumentare.

Dare una risposta a questa frustrazione è stato uno degli obiettivi del weekend, con il leitmotiv: “Macron non sente la tua rabbia, sentirà il tuo voto”. Dalle grandi città ai comuni più piccoli, su gran parte del territorio, gli e le insoumis.es hanno allestito i loro tavoli, il loro solito materiale militante, ma anche, meno comunemente, alcuni formulari amministrativi del CERFA (Centre d’Enregistrement et de Révision des Formulaires Administratifs). L’obiettivo di questa iniziativa: aiutare i cittadini a iscriversi alle liste elettorali per consentire loro di riacquistare la loro sovranità. Come? Esprimendosi alle prossime elezioni.

Un passaggio che fa parte, sicuramente, del quadro delle elezioni europee, ma che continua anche durante tutto l’anno nei quartieri durante le “carovane dei diritti”. Come per ogni iniziativa, il coinvolgimento delle e degli insoumis.es ha reso possibile il successo di queste azioni. A volte in presenza di un deputato, di un rappresentante locale o candidato alle prossime elezioni, come in Gironda con Loïc Prud’homme, ma anche Marie Duret-Pujol, candidata per le europee. Lo stesso vale al Nord con Julien Poix o a Dole con Anne-Sophie Pelletier.

Un po’ ovunque la gente ha potuto iscriversi alle liste elettorali per poter dire stop a Macron il prossimo maggio. Perché queste elezioni saranno infatti un referendum contro la politica anti-poveri e al servizio dei più ricchi del governo e del presidente. Possiamo fermarli alle urne!

Per questo motivo, questi punti di registrazione continueranno ad essere attivi nei prossimi mesi: 33 eventi simili sono già stati annunciati sulla piattaforma. Allo stesso modo continueranno le carovane di accesso ai diritti, alla sanità o alle carovane rurali, gli incontri pubblici, senza dimenticare il lancio dei comitati di sostegno alla campagna europea. Tutti questi sono segni che il movimento è vivo e vegeto e radicato in ognuna delle lotte che verranno.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento