Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

venerdì 25 maggio 2018

Paolo Savona un “sovversivo”? Ma va...

Non so se se ridere o piangere di fronte al teatrino che si è scatenato per la possibile nomina di Paolo Savona a ministro dell’economia. Tutto l’establishment e la grande stampa si sono mobilitati ventilando i rischi di questa nomina. Gli ambienti UE – ma che cavolo sono? – fanno sapere che non gradiscono, mentre la risalita dello spread annuncia catastrofi ben più gravi, se effettivamente questo terribile personaggio dovesse diventare ministro. Mattarella si infastidisce per i diktat che gli imporrebbero di nominare nel governo una persona così pericolosa. A sua volta Salvini esalta Savona come l’amico del popolo che mancava e che aspettavamo.

Ma chi è questo pericoloso sovversivo chiamato Paolo Savona? È stato un seguace di La Malfa nel Partito Repubblicano, il partito che voleva l’austerità già negli anni settanta del secolo scorso. È stato dirigente della Banca d’Italia e direttore generale della Confindustria. È stato ministro di Ciampi e collaboratore del governo Berlusconi. È tra i promotori dell’università privata Luiss, ove insegna anche Conte, ed è entrato in una serie di consigli di amministrazione lunga una pagina. Fa parte dei circoli internazionali legati al capitalismo e ai governi USA, a partire dall’Aspen Institute.

Che cosa ha spinto questo borghese a tutto tondo, questo gran commesso del capitalismo finanziario, verso il lato oscuro della forza? Nessun comportamento concreto, ma solo opinioni contenute in qualche articolo e libro. Savona ha scritto che l’euro non è stato un vantaggio per l’Italia e che la Germania domina l’Europa, il che, come nel passato, non è una buona cosa.

Apriti cielo, per queste considerazioni che oramai si dicono stancamente nei bar, Savona è diventato il nemico dell’establishment, naturalmente per opera dell’establishment stesso. Che si è scatenato facendo credere che tema più di ogni cosa Savona ministro dell’economia.

Ma se questo pericoloso sovversivo diventerà ministro dell’economia cosa potrà davvero fare, visto che il suo capo di governo ha già assicurato piena obbedienza all’articolo 81 della Costituzione? Quello riscritto quasi alla unanimità dal parlamento che aveva votato la fiducia al governo Monti. Quello che inserisce nella nostra Carta l’obbligo di pareggio di bilancio voluto dal più feroce dei patti europei: il fiscal compact.

Io credo che il ministro Savona andrà a qualche incontro europeo e poi spiegherà che ha battuto i pugni sul tavolo e che ciò che ha ottenuto è il massimo possibile. Come han fatto tutti i suoi predecessori. Perché con la UE o si è disposti a disubbidire e rompere sul serio, o alla fine si continua con austerità.

Intanto però il teatrino mediatico sta convincendo l’opinione pubblica che finalmente il popolo ha trovato chi lo difenderà da banche, finanza e UE. Paolo Savona può sembrare un progressista solo perché finora ha governato il PD.

L’establishment è molto efficiente nell’inventarsi avversari di comodo, da sconfiggere senza fatica per dimostrare che non ci sono alternative.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento