Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

lunedì 21 gennaio 2019

Gli assassini sono tra noi

Cosa direste di una persona che, vedendo un criminale gettare un bambino in mare, invece che salvare quel bimbo si metta a litigare sulle responsabilità di chi ha commesso quel gesto, guardandosi bene però dal soccorrere chi affoga.

Direste che è un assassino, altrettanto criminale di colui che ha gettato il bambino in mare.

Questi criminali, questi assassini oggi si chiamano Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Essi hanno deciso che quel bambino debba morire, perché altrimenti tutti si metterebbero a gettare bambini in mare, sicuri che qualcuno li salverà.

Questo folle ragionamento è alla base della decisione di Salvini e Di Maio di lasciar affogare i migranti. È come non soccorrere le vittime di un ponte crollato, perché ci sono state responsabilità della impresa che lo gestiva. Come non fare nulla per i morti sul lavoro, perché vittime del mercato.

Salvini e Di Maio scaricano sulla vittima le colpe di chi la rende tale. E la vittima deve pagare con la vita. È il rifiuto della solidarietà umana nel nome dell’esercizio del potere.

Certo questo rifiuto è di tutti governi della UE, aperti ai ricchi e ai capitali e chiusi alle persone povere. Certo Salvini e Di Maio proseguono e aggravano le leggi del PD e di Minniti, che aveva dato dignità ai tagliagole libici trasformandoli in interlocutori politici. Con il compito di uccidere e schiavizzare i migranti.

Sì il crimine assassino contro i migranti è bipartisan ed europeista. Ma questo non toglie nulla alle responsabilità individuali.

Se aiuti i poveri ti dicono santo, se ti chiedi perché ci siano i poveri ti dicono comunista. Così disse Helder Camara, vescovo brasiliano. A questo possiamo oggi aggiungere che chi afferma di voler combattere la povertà e in realtà combatte ed uccide i poveri, è un criminale assassino. E chi lo sostiene è suo complice, come i bravi cittadini che segnalavano gli ebrei alle SS.

Salvini e Di Maio hanno legittimato la ferocia omicida verso i poveri nel nome della loro politica, hanno coperto questa ferocia con la legalità e hanno autorizzato le persone normali a comportarsi serenamente da mostri.

Gli assassini sono tra noi e non ce ne libereremo se non rovesciando le coscienze e il potere.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento