Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

martedì 22 gennaio 2019

Fascisti e coglioni

Il senatore cinquestelle Lannutti ha pubblicato un post in cui si faceva uso dei Protocolli dei Savi di Sion. Non per ricordare che essi fossero un falso costruito dalla polizia segreta zarista, per fomentare l’antisemitismo in Russia. Non per condannare l’uso infame di quel falso da parte del nazismo e del fascismo.

No, Lannutti ha usato quel fake ante rete a sostegno della sua tesi sul complotto giudeoplutocratico mondiale. Poi di fronte allo scandalo il senatore si è scusato, balbettando che gli capita di pubblicare ciò che non condivide.

Nemmeno nelle scuse è riuscito a dire che aveva accreditato come vero un falso storico.

Del resto il senatore cinquestelle vive in un mondo di falsi. Probabilmente ai Protocolli dei Savi é giunto attraverso un altro complotto inventato da reazionari e razzisti: il Piano Kalergi. Il complotto mondiale per inquinare la purezza razziale dei popoli occidentali con i migranti.

Capita in rete di incontrare mentecatti arroganti che seriamente sostengano la verità di quella falsa e criminale idiozia. Ecco, simili mentecatti sono l’area di riferimento del senatore Lannutti, che neppure conosce la storia che si impara da ragazzi, e che dovrebbe essere cacciato dal Senato della Repubblica non solo per simpatie naziste, ma per colossale ignoranza.

Gino Strada ha detto che questo governo è formato per metà da fascisti e metà da coglioni. Il senatore Lannutti dimostra che queste due metà possono formare una sola persona.

Sotto, locandina nazista ispirata ai Protocolli: gli ebrei come banchieri e come comunisti vogliono impadronirsi del mondo.


Fonte

Nessun commento:

Posta un commento