Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

giovedì 24 gennaio 2019

Venezuela - Maduro alla piazza “Qui non si arrende nessuno, massima mobilitazione contro il golpe”

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha annunciato la cessazione delle relazioni diplomatiche con il governo degli Stati Uniti e ha dato 72 ore per rimuovere tutto il suo personale dal paese.

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, si è rivolto oggi al paese dal Balcone del Popolo nel Palazzo Miraflores (sede del governo), dove ha annunciato la rottura totale delle relazioni diplomatiche e politiche con il governo degli Stati Uniti per il loro coinvolgimento nel complotto in corso nel paese.

Il capo dello stato bolivariano ha denunciato che l’esecutivo statunitense sta dirigendo un’operazione per imporre un “governo fantoccio” in Venezuela che consegnerà la nazione agli interessi delle multinazionali.

“Hanno l’ambizione di mettere le mani sul petrolio, il gas e l’oro, diciamo loro: queste ricchezze non sono vostre, appartengono al popolo del Venezuela ed è così sarà per sempre”, ha avvertito Maduro.

“Solo il popolo venezuelano mette e rimuove i presidenti”, ha detto, respingendo il colpo di Stato nel quadro di “una politica interventista che vuole collocare l’America Latina e i Caraibi come il cortile di casa degli Stati Uniti.

A questo proposito, il leader venezuelano ha ricordato che “i nostri problemi si risolvono in casa, contando sempre sul popolo, sulla classe operaia, sulle Forze Armate Nazionali Bolivariane, sulle donne. Nessuno deve ingerire negli affari interni del Venezuela!”.

Infine, il presidente Nicolás Maduro ha fatto appello alla calma della popolazione: “Nervi d’acciaio, calma e lungimiranza, qui non si arrende nessuno e noi porteremo alla vittoria della pace. Diciamo no alla violenza, no al golpismo, massima mobilitazione e costante lotta popolare in tutte le comunità, parrocchie e stati del Paese”, ha concluso.

Anche il Presidente della Assemblea Nazionale Costituente del Venezuela (ANC), Diosdado Cabello, ha guidato la manifestazione di massa dei chavisti oggi a Caracas in difesa della pace e della sovranità della nazione sudamericana.

In questo contesto, Cabello ha denunciato i piani del colpo di stato promosso da settori dell’opposizione politica che sono al di fuori della legge stabilita dalla Costituzione. “Sono in una grande trappola ... credono in un paese fatto di schermi televisivi e social network”, ha detto.

Egli ha anche avvertito che se l’opposizione prenderà il potere svenderà le risorse naturali del Venezuela alle multinazionali straniere, privatizzerà la Grande Missione sulle abitazioni e il sistema pensionistico statale.

“Crediamo in un futuro di pace, ma il popolo venezuelano non è un popolo sottomesso, questo è un popolo ribelle che ha imparato a difendersi ed è determinato ad essere libero”, ha detto il capo dell’Assemblea Nazionale Costituente.

A questo proposito, ha avvertito che fattori stranieri e le minoranze violente “cercheranno di provocarci” e ha chiamato ad una presenza permanente attorno al Palazzo Miraflores (sede del governo) per proteggere il mandato costituzionale del presidente Nicolas Maduro.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento